Categorie
Tecnologia

Microsoft e la settimana che cambierà il Mondo

Qualche parole su quella che può essere definita la settimana della “Resurrezione di Microsoft”. Scusate l’elenco puntato ma il poco tempo a disposizione mi costringe ad essere parecchio cinico 🙂

– Windows 8 è praticamente pronto. Dopo la versione “Release Preview” gli ingegneri e i programmatori stanno risolvendo gli ultimi bug, ritoccando l’interfaccia grafica per renderla omogenea in ogni sua parte e rimuovendo i codici di Debug. Tutto dovrebbe concludersi il giorno 01/08/2012 quando verrà compilata la versione finale. Da quel momento avremo un Sistema Operativo con Kernel NT 6.2 compatibile con le piattaforme x86 (32/64 bit) e ARM che saprà gestire le applicazioni scritte con il nuovo paradigma “RT” (le “Metro-App”) che saranno disponibili nel nuovo “Market/Store” e le applicazioni “Standard” (ovvero i classici eseguibili che conosciamo da ormai 25 anni) che saranno disponibili sul “Dekstop”

– Microsoft avrà un Tablet di nome Surface fatto in casa (come l’iPad) e disponibile con Windows 8 RT e Windows 8 Pro. Il Design è davvero carino (a parte lo spessore e il peso che vanno diminuiti) e l’idea della cover/tastiera è sicuramente innovativa. Quello che decreterà il successo o meno del prodotto sarà il prezzo di vendita (e il supporto eventuale alle reti 3G/4G che non ho capito se sarà presente o meno). Microsoft ha

detto che i prezzi saranno “concorrenziali” con quelli di iPad (modello ARM) e degli Ultrabook (modello x86).. io

sinceramente inizierei a vendere in perdita, magari a 499$ e 699$ rispettivamente. Sicuramente il valore è più

alto, anche solo per il sistema operativo che viene offerto, ma se l’obiettivo è aprire una “Tablet War”

sicuramente la strada giusta non è quella dei prezzi più alti della concorrenza dato che, in questo campo,

Microsoft è una outsider assoluta. Bisogna contare, così come vedremo tra un attimo, che all’inizio il Market di applicazioni sarà praticamente vuoto

– Anche Windows Phone 8 è pronto. Ed è una rivoluzione assoluta. A vederlo sembra la naturale evoluzione di Windows Phone 7.5 ma in realtà cambia tutto (ma proprio tutto) dato che il cuore di questo sistema non sarà più il vecchio “Windows CE” ma, per la prima volta in assoluto, sarà lo stesso di Windows 8, ovvero “Windows NT”. Questo vuol dire che le limitazioni di Windows Phone 7 (causate dal vecchio Kernel) saranno solo un brutto ricordo (parlo soprattutto del mancato supporto Multi-Core). A breve avremo dunque nuovi smartphone che, in sostanza, avranno Windows 8 RT (= Windows Phone 8) come sistema operativo, proprio come i “fratellini” Tablet e PC. Capite il potenziale? Una applicazione “Metro”, pubblicata sul nuovo Market/Store, sarà nativamente compatibile dovunque io voglia usarla, che si tratti di un Computer, di un Notebook, di un Tablet o di uno Smartphone. Basterà utilizzare l’ultima generazione di sistemi operativi (Windows 8, Windows Server 2012 e Windows Phone 8). Da qui nasce la scelta dolorosa ma necessaria di NON distribuire WP8 sui device della generazione corrente (nemmeno sui nuovissimi Lumia 900) dato che esistono limiti Hardware che impediscono l’Upgrade. La scelta, lo so, è contestabile, soprattutto se si pensa che le nuove applicazioni scritte per Windows Phone 8 NON saranno compatibili con Windows Phone 7.5. Per questo motivo Microsoft ha deciso di rendere disponibile un ultimo aggiornamento (7.8, supportato per 18 mesi) per la generazione corrente di Smartphone in cui porterà comunque molte delle novità presenti in WP8 (nuova Start Screen su tutte) ma non quelle legate all’Hardware (es: supporto NFC). Certo, probabilmente i consumatori un po’ smaliziati ora aspetteranno WP8 prima di comprare un nuovo Smartphone (agli altri non interessa tutto questo discorso) ma in compenso tra pochi mesi avermo davvero un ECOSISTEMA perfetto a disposizione

Ora capiamo perché Microsoft parlava di Windows 8 come della più grande scommessa della sua storia: per la prima volta si stanno lasciando alle spalle il loro punto di forza (la retro-compatibilità pressoché infinita) per creare un nuovo ecosistema tra dispositivi diversi che sarà facilmente manutenibile negli anni a venire.

Auguro a Microsoft di riuscire a portare a termine questo grandioso progetto, anche se in alcuni settori il ritardo accumulato rispetto alla concorrenza è davvero tanto (es: mercato Tablet). L’idea di interazione indipendente dal dispositivo che stanno cercando di proporre è davvero qualcosa di fantastico. E, a prescindere da quanto questo verrà compreso dal consumatore “tipico”, non c’è iOS che tenga. Anche e soprattutto in ambito lavorativo.

[Omnia / Luca Zaccaro]

  • Share on OkNotizie
  • Share on Twitter
  • Share on Facebook

1 risposta su “Microsoft e la settimana che cambierà il Mondo”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.