Categorie
Sport

La “Scommessa Giaccherinho”

Come di consueto, quest’anno, la Juve d’Italia non brilla dopo le (buonissime) prestazioni d’Europa. Male. Malissimo, se diamo ascolto ai due boati dello Stadium che scandiscono i due goal del Chievo contro il Napoli. Quella sconfitta, a 10 giornate dalla fine, era da monetizzare ad ogni costo. Ma in campo è tutta un’altra storia: il Catania, universalmente riconosciuto come la rivelazione dell’anno, imbriglia i Campioni (sbiaditi) e un Pirlo in giornata no (forse la peggior prestazione da Juventino) non aiuta a costruire trame convincenti, viste anche le pennichelle sulle fasce di Lichsteiner e Asamoah. Insomma, arrivati al 91′ sembra proprio che sarà “festa a metà”. E invece poi arriva il guizzo di Giaccherini, su assist di un immenso Pogba, e la palla finisce dentro. Esultanza da finale di Champions e +9 sul Napoli (o +10, se volete). Si può dire che è finita? Neanche per sogno. Non in Italia. Ma sicuramente la strada è più in discesa adesso. Vince la Juve, vince la scommessa di Conte di puntare sul gruppo piuttosto che sul Top Player. “Giaccherinho”, in fondo, è una sua creazione.

[Omnia / Luca Zaccaro]

  • Share on OkNotizie
  • Share on Twitter
  • Share on Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.