Categorie
Tecnologia

Aggiornamento a Windows 10 in corso

Windows 10 Launch

Dopo svariati mesi “al servizio” del programma Insider Preview lanciato da Microsoft per testare Windows 10 e dopo aver aggiornato un Notebook ed un Netbook da Windows 7 Home Premium a Windows 10 Home è finalmente arrivato il momento di aggiornare il mio PC principale, un assemblato del 2007 (con molti “ritocchini” nel corso degli anni) su cui al momento è installato Windows 8.1 Pro MCE, a sua volta aggiornato da Windows 8 Pro MCE e, in origine, Windows 7 Professional Retail.

Il PC in questione è un Intel Core 2 Quad Q9300 con 8 GB di RAM DDR2, SSD da 128 GB + Disco dati da 1TB, nVidia GTX 650 e un adattatore PCI-EX > USB 3.0 dato che al tempo della vecchia ASUS P5Q PRO queste “nuove tecnologie” non esistevano ancora 🙂

Windows 10, nel suo complesso, mi ha più che convinto e non è la prima volta che lo dico. Non è perfetto, alcune funzionalità sono ancora in uno stadio embrionale e necessariamente dovranno essere migliorate (una su tutte: Edge) ma l’esperienza nel suo complesso è soddisfacente. Insomma, Windows 10 è pronto per la mia “Macchina principale di Produzione”.

In queste ore, mentre sono al lavoro, l’aggiornamento è in fase di download (ho usato Media Creation Tool dato che l’aggiornamento che avevo prenotato con GWX non è ancora arrivato). Prima di sera conto di completare l’installazione ed avere un Sistema funzionante che andrà ad affiancarsi ad una versione di Windows 7 che sfrutta il Native VHD Boot e che risiede, appunto, su un disco virtuale (mi serve per continuare ad usare Xp Mode).

Ormai sono talmente “skillato” sull’installazione di Windows 10 che non mi aspetto sorprese, ma aspettatevi un aggiornamento in serata (o nei prossimi giorni).

Intanto qualche numero da NetMarketShare con cui approfondire la notizia del raggiungimento delle 75 milioni di installazioni:

OS                          Luglio         Agosto    Differenza
Windows Xp        11,72%        12,14%    +00;42%
Windows Vista    01,84%       01,82%    -00,02%
Windows 7           60,73%       57,67%    -03,06%
Windows 8           02,78%      02,56%    -00,22%
Windows 8.1        13,11%        11,39%     -01,72%
Windows 10         00,39%      05,21%    +04,82%

Possiamo notare tre cose:
– Windows 10 si sta comportando ESTREMAMENTE BENE
– La maggior parte degli aggiornamenti sembra provenire da Windows 7
– Come è possibile che ci siano ancora utenti su Windows 8.0?

Avete qualcosa da aggiungere?

[Omnia / Luca Zaccaro]

  • Share on OkNotizie
  • Share on Twitter
  • Share on Facebook
Categorie
Tecnologia

Windows XP: MRT, Definitions & EOS

Nella pagina ufficiale riguardante la fine del Supporto per Windows Xp possiamo leggere due cose:

  • Microsoft’s Malicious Software Removal Tool (…) will continue to be provided for Windows XP through July 14, 2015
  • If you already have Microsoft Security Essentials installed, you will continue to receive anti-malware signature updates through July 14, 2015

Bene, ho una VM con XP Mode che gira su Windows 7. In questa VM ho visto che

  • MRT è stato scaricato anche ad Agosto 2015
  • Le ultime definizioni di MSE sono datate 13/08/2015

Windows Xp - MRT & MSE

 

Mi sono perso qualcosa?

[Omnia / Luca Zaccaro]

  • Share on OkNotizie
  • Share on Twitter
  • Share on Facebook
Categorie
Info

Windows 10 – Primo Aggiornamento

Windows 10 Hero

Da ieri, lo sapete bene, è disponibile l’aggiornamento gratuito a Windows 10 per i possessori di Device con installato Windows 7 SP1 o Windows 8.1 Update 1 originali. Sembra che la prima giornata possa battere parecchi record (cito a memoria: 10 Tbps di banda costante e circa 16 aggiornamenti al secondo, ma aspettiamo dati ufficiali).

Nel mio piccolo ho voluto prendere parte a questa giornata epocale aggiornando il mio primo Device. Si tratta di un Notebook Lenovo del 2009 con un Intel Celeron 900M e 2GB di RAM, venduto con Windows 7 Home Premium (in seguito aggiornato al SP1) e utilizzato più che altro per navigare in Internet.

La prima cosa che ho fatto, vista l’età del Device, è stata quella di preparare una ISO di Windows 7 con il SP1 e (quasi) tutti gli aggiornamenti già integrati (sì, compreso IE11). Ho utilizzato Windows Update Downloader (con le liste italiane che ho aggiornato personalmente e che condividerò al termine di alcuni test) per scaricare tutti i pacchetti in locale e NTLite Beta per integrarli in una ISO di Windows 7 (in questo caso conteneva già il SP1). Se volete cimentarvi nella stessa impresa ricordatevi che con NTLite è necessario integrare gli aggiornamenti per ciascuna delle edizioni di Windows presenti nel file WIM (nel mio caso c’erano proprio tutte: Starter, HomeBasic, HomePremium, Professional, Ultimate) ricordandovi di non selezionare mai l’opzione “Export”. Solo al termine delle operazioni sarà possibile rimuovere a mano il file “ei.cfg” dalla cartella “sources” e creare una ISO omnicomprensiva utilizzando sempre NTLite e cliccando sulla radice della ISO caricata. Ovviamente ho utilizzato tale ISO per formattare il Device ed effettuare un’installazione pulita. Devo dire che NTLite si è comportato egregiamente: finita l’installazione di Windows e attivato il Sistema restavano da fare solo una decina di aggiornamenti (soprattutto quelli di Luglio 2015 che non ho fatto in tempo ad integrare) e la versione 4.5.2 del .NET Framework (con i suoi aggiornamenti) che non è possibile integrare con tale programma.

Dopo circa un’ora mi sono trovato con una versione “pulita” di Windows 7 Home Premium SP1 (licenza OEM). A questo punto ho installato l’aggiornamento KB3035583, ovvero quello che crea la cartella “GWX” nella cartella di Sistema e gestisce le prenotazioni di Windows 10. Riconosciuto il Sistema come “genuino” e il Device come “supportato” sono finalmente riuscito a prenotare il download di Windows 10 (e qui siamo alla sera del 28/07). Se tutto ciò non dovesse accadere in automatico provate ad avviare manualmente il file “GWX.exe” oppure cercate qualche altra info in rete.

W10U-002

Tornato dal lavoro ieri sera ho acceso il Notebook e ho subito raggiunto il Pannello di Windows Update. Qui è comparso un grande avviso che mi ha permesso di iniziare il download dei file di installazione (poco più di 2GB). Dopo meno di un’ora era tutto pronto per l’installazione, puntualmente avviata dopo l’accettazione delle solite condizioni di licenza (che ribadiscono quanto detto fino ad ora: se l’aggiornamento avviene entro il 29/07/2016 si otterrà una versione totalmente gratuita di Windows 10 legata alla macchina e che riceverà aggiornamenti fino a quando il Device non sarà rottamato. Attenzione – visto che in tanti se lo sono chiesto: la licenza originale (quella di Windows 7 o Windows 8) NON viene invalidata.

W10U-007

In ogni caso, dopo un riavvio è partito l’aggiornamento vero e proprio con la nuova interfaccia grafica già nota agli Insider. Pausa-Film e quando sono tornato Windows 10 mi aspettava con l’OOBE dell’aggiornamento: inserire la password dell’utente, definire alcune impostazioni della privacy, scegliere le App preinstallate e attendere l’installazione/configurazione delle App stesse. Altri 10 minuti ed eccomi sul Desktop di Windows 10, che io ormai conosco quasi a memoria ma che per molti potrebbe risultare assolutamente nuovo.

Noto subito una cosa: il Sistema NON è attivato (è in stato NOTIFICA) e il Product Key è quello generico. Vabbé, procedo con gli aggiornamenti di Windows Update (per lo più Fix di sicurezza e Driver) e riavvio. Niente, Sistema ancora non attivato. Procedo con l’aggiornamento delle App dal nuovo Store (praticamente tutte le App hanno ricevuto un aggiornamento al Day 1). Prima di riavviare riprovo un paio di volte ad attivare il Sistema: la prima volta mi restituisce ancora lo stesso messaggio: “Impossibile trovare una licenza o licenza non valida”. La seconda volta, invece, non mostra alcun messaggio. Intuisco che potrebbe essere una questione di Server di Attivazione intasati e riavvio. Avevo ragione: Windows 10 Home è ora perfettamente attivato e, con mia grande sorpresa, ci sono due “sorprese”: per prima cosa la licenza viene identificata come appartenente al canale “Retail”, e come se non bastasse il Product Key è rimasto quello generico.

Ammetto di non aver ancora capito come funziona questa storia dell’aggiornamento gratuito, ma per ora questo è tutto. L’aggiornamento è andato fin troppo bene (vista anche l’età del Device) e il Sistema sembra abbastanza prestante. Aspettatevi maggiori info in materia in un altro articolo.

[Omnia / Luca Zaccaro]

  • Share on OkNotizie
  • Share on Twitter
  • Share on Facebook
Categorie
Tecnologia

Windows 10 è arrivato (e resterà a lungo)

Windows 10 Launch

 

Sono stati mesi intensi per il Team di Sviluppo di Windows. Da quando Terry Myerson ha illustrato il suo piano di “unificazione globale” di tutti i dispositivi sotto un unico Sistema Operativo con cicli di rilascio brevi hanno dovuto riorganizzare un complesso meccanismo in auge ormai da parecchi lustri.

Windows 10 non sarà solo una novità per i consumatori. È già oggi una importantissima novità soprattutto per Microsoft e per chi si occupa di questo Prodotto Servizio. Notato qualcosa? Già, Servizio. La prima grande novità quando si parla di Windows 10 è il fatto che non si tratta più di un Sistema Operativo stand-alone, acquistato in negozio e aggiornato fino all’uscita della versione successiva. Si tratta, appunto, di un Servizio offerto in “continuous deployment” agli utenti (un po’ come Office 365), sempre aggiornato all’ultima versione disponibile. Questo significa che Windows 10 non avrà Service Pack o Update 1, 2 ecc.. l’intero Sistema verrà aggiornato a cadenza regolare (es: 4/6 mesi) a meno che non ci si trovi nel nuovo ramo LTS dove invece saranno solo gli aggiornamenti di sicurezza ad essere installati in automatico.

Ammettiamo che Microsoft abbia successo. Perché si è reso necessario questo cambiamento epocale? Microsoft non può più fare i soldi vendendo solo licenze di Windows. I Sistemi Operativi dei competitor ormai sono gratuiti o distribuiti a prezzi irrisori (lasciamo perdere per un attimo il ricarico sull’hardware). Occorreva trovare un’altra fonte di guadagno. Ed ecco l’idea originale e vincente (modalità ironia on): uno Store da cui scaricare App in cui Microsoft trattiene una percentuale delle transazioni. Vi ricorda qualcosa? Già, Windows 8/8.1. Peccato che, per varie ragioni, questa generazione di Sistemi Operativi non abbia “sfondato” e che lo Store non si sia evoluto come Microsoft sperava. Quindi? La soluzione, in un certo senso, era a portata di mano. Contando TUTTI i dispositivi Windows (x86/x64/ARM) il bacino di utenza è talmente grande da attrarre gioco-forza molti più sviluppatori. Va bene, ma come “attrarre” questo enorme bacino di utenza? Dal punto di vista tecnico, ne abbiamo già parlato, ci ha pensato/ci penserà Windows 10 ma mancava il punto di vista commerciale. Ed è qui che entra in gioco il grande annuncio di Myerson durante la presentazione di Windows 10 a Settembre 2014: tutti gli utenti di Windows 7 SP1, Windows 8.1 Update 1 e Windows Phone 8.1 Update 1 (versioni non Enterprise) avranno un anno di tempo per richiedere gratuitamente l’aggiornamento alla rispettiva versione di Windows 10. Una licenza, importante sottolinearlo, che una volta ottenuta resterà valida per tutta la vita del dispositivo, senza più spendere un quattrino. Capito il meccanismo? Ho creato una piattaforma unica così da permettere agli sviluppatori di scrivere l’App una sola volta e distribuirla su tutti i dispositivi, ora ho bisogno di “riempire” questo nuovo mondo con il numero più alto di utenti nel minor tempo possibile.

Il Rubicone è appena stato varcato: Microsoft ha annunciato di puntare a superare il traguardo del miliardo di licenze di Windows 10 in due anni. Ma bisognava fare presto. Molto presto. Forse troppo presto.

Sempre a fine Settembre 2014 Microsoft ha annunciato un’altra novità nello Sviluppo di Windows 10: non più “Beta/RC” pubbliche come in passato ma un vero e proprio programma aperto a tutti all’interno del quale distribuire continuamente nuove versioni “intermedie” del prodotto subito dopo l’approvazione dei “Ring” di test presenti all’interno dello stesso team di Windows. Altra novità: le nuove versioni non vengono più distribuite (solo) tramite ISO ma (soprattutto) tramite Windows Update, come qualsiasi altro aggiornamento.

Ho aderito immediatamente al programma Windows Insider. Ovviamente. E ho avuto modo di provare (sia per lavoro che per passione) le diverse versioni distribuite in questi mesi su 3 Device (un Notebook, un fisso e una Virtual Machine).

L’idea di fondo di Windows 10 era chiara già dall’inizio, ma la qualità delle Build non sempre rispecchiava quelle che erano le pretese di Microsoft. Diciamo che essendo abituato a provare solo Beta o RC “già ampiamente testate” questo salto nel vuoto si è fatto sentire (vedi le vicende con i driver Synaptics, ad esempio).

Con il passare dei mesi anche la qualità generale del prodotto migliorava e con gli ultimi rilasci (le versioni 101XX e successive) è stata raggiunta una maturità accettabile. Ed arriviamo alla versione 10240, quella che in altri tempi avremmo chiamato RTM ma che Microsoft si è ben guardata da definire tale. La qualità è ora molto buona. Il Sistema si presenta stabile e abbastanza reattivo (i due Device fisici sono del 2007 con 2 GB di RAM, non proprio di primo pelo) ma ci sono ancora alcune “zone d’ombra” per lo più legate alle performance delle nuove Windows App e di tutta la nuova parte riscritta in XAML (Start menu, Cortana, TaskBar). Poi mi è capitato per lavoro di utilizzare questa stessa Build su un PC aziendale con un Core i7 e 8 GB di RAM: un altro mondo.. Un Sistema Operativo fatto e finito che non mostra alcun segno di imperfezione.

Diciamo quindi che Windows 10 si può definire sostanzialmente “pronto” ma, almeno per ora, non perfettamente ottimizzato per i dispositivi dell’anteguerra. Il che potrebbe essere un problema, visto che l’aggiornamento gratuito è offerto anche ai possessori di PC vecchiottti.

Ma il bello/brutto di Windows 10 è questo: è costantemente in fase di sviluppo. Non possiamo neanche sapere, ad esempio, se la versione che tra poche ore riceverete da Windows Update sarà proprio la 10240 con tutte le fix rilasciate fino ad oggi oppure una nuova Build ricompilata. Di sicuro sappiamo che ad Ottobre verrà rilasciato il primo importante aggiornamento, con un altro grande rilascio (Redstone) pianificato per la primavera del 2016. Ecco, a quel punto probabilmente potremo giudicare il vero Windows 10. Pazienza dunque. Quello che serve è un po’ di pazienza perché tutto quello che succederà da oggi è una novità anche per Microsoft. E poi speranza, perché Windows 10 avrà successo solo se il bacino di utenza crescerà velocemente e se i Developer inizieranno a considerare davvero la nuova piattaforma di Sviluppo (gli sforzi dei vari “Bridge” sono da intendersi in questo senso).

Queste le mie opinioni. Ora qualche info “pratica”:

  • Per ottenere l’aggiornamento gratuito a Windows 10 dovete avere una versione originale di Windows 7 SP1 o Windows 8.1 Update 1 (sia a 32 bit che a 64 bit) con tutti gli aggiornamenti installati
  • Tra i vari aggiornamenti dovreste trovare il KB3035583 che, una volta installato, dovrebbe creare una cartella “GWX” nella cartella di Sistema (system32/sysWow64)
  • All’interno della cartella si trova il file GWX.exe che dovrebbe già essere presente nella vostra TaskBar (vicino all’orologio) già dal 01/06 scorso. Cliccando su questa icona (una bandierina di Windows bianca) sarà possibile “prenotare” la versione gratuita di Windows 10, che verrà scaricata sul dispositivo non appena possibile avvisando l’utente quando è possibile iniziare l’aggiornamento
  • È possibile effettuare questa operazione gratuitamente fino al 29/06/2016
  • Una volta aggiornato il Sistema resterà attivato e aggiornato per tutta la durata del Device
  • Dopo il 29/06/2016 è probabile che l’aggiornamento sarà ancora disponibile ma non sarà più gratuito
  • In alternativa sarà possibile acquistare Windows 10 al prezzo pieno e ricevere un DVD/USB/ISO
  • Una volta terminato l’aggiornamento gratuito con questo processo sarà possibile (siamo in attesa di sapere come) effettuare un’installazione pulita sulla stessa macchina senza dover re-installare il Sistema Operativo precedente
  • Le versioni Starter/HomeBasic/HomePremium/Home di Windows 7/8.1 verranno aggiornate a Windows 10 Home, le versioni Professional/Pro/Ultimate verranno aggiornate a Windows 10 Pro. Le versioni Enterprise non verranno aggiornate in automatico/gratuitamente a Windows 10. L’architettura della versione di Windows 10 dipenderà da quella da cui si sta richiedendo l’aggiornamento
  • Sarà possibile continuare ad usare Windows 10 come Insider (con licenza Insider “perpetua”) a patto di continuare a ricevere continuamente le nuove Build intermedie
  • Se non si riesce ad avviare l’App GWX vuol dire che il Sistema non rispetta i requisiti minimi necessari, non è genuino o non ha installato tutti gli aggiornamenti necessari
  • Windows RT non verrà aggiornato a Windows 10 ma riceverà un aggiornamento separato nei prossimi mesi che dovrebbe portare alcune delle funzionalità presenti in Windows 10
  • La versione Mobile di Windows 10 non è ancora completa. Sarà disponibile in autunno e saranno aggiornabili tutti i dispositivi che utilizzano Windows Phone 8.1 Update 1 (non è chiaro se i Carrier potranno bloccare l’aggiornamento)

Avete altre domande? Usate i commenti 😛

[Omnia / Luca Zaccaro]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  • Share on OkNotizie
  • Share on Twitter
  • Share on Facebook
Categorie
Tecnologia

Windows 10 arriva il 29 Luglio

Windows 10 Launch

Questa mattina Terry Myerson, “Boss” del team che si occupa dello sviluppo di Windows, ha annunciato che Windows 10 (la nuova e ultima Major Version del Sistema Operativo di Microsoft) sarà disponibile a partire dal prossimo 29 Luglio.

Nel frattempo, se state usando una versione Home o Pro di Windows 7 o Windows 8.1 e avete gli aggiornamenti abilitati, dovreste aver ricevuto una piccola “sorpresa” sul vostro Desktop: una nuova icona vicino all’orologio che vi permetterà di “prenotare” la vostra copia gratuita di Windows 10 (offerta valida fino al 29/07/2016, con modalità ancora da definire).

Windows GWX
Windows GWX

Le seguenti versioni verranno aggiornate gratuitamente a Windows 10 Home:

  • Windows 7 Starter
  • Windows 7 Home Basic
  • Windows 7 Home Premium
  • Windows 8.1

Le seguenti versioni verranno aggiornate gratuitamente a Windows 10 Pro:

  • Windows 7 Professional
  • Windows 7 Ultimate
  • Windows 8.1 Pro
  • Windows 8.1 Pro for Student
  • Windows 8.1 Pro WMC (esperienza personale, perdendo Media Center)

Le seguenti versioni verranno aggiornate gratuitamente a Windows 10 Mobile:

  • Windows Phone 8.1

Microsoft cercherà di scaricare automaticamente la versione finale di Windows 10 sul vostro PC per renderla immediatamente disponibile all’installazione il 29 Luglio.

I requisiti minimi sono più o meno quelli di Windows 7 e Windows 8.1:

  • Processor: 1 GigaHertz (GHz) or faster processor or SoC
  • RAM: 1 GigaByte (GB) for 32-bit or 2 GB for 64-bit
  • Hard disk space: 16 GB for 32-bit OS 20 GB for 64-bit OS
  • Graphics card: DirectX 9 or later with WDDM 1.0 driver
  • Display: 1024×600

Alcune nuove funzionalità saranno inizialmente soggetti a limitazioni territoriali (es: Cortana) mentre altre richiederanno Hardware particolare (es: Windows Hello, Contiuum).

Le funzionalità che verranno perse aggiornando a Windows 10 sono le seguenti:

  • Windows Media Center
  • DVD Playback nativo (per questioni di Codec/diritti)
  • Desktop Gadget
  • Giochi preinstallati (scaricabili come Windows Apps)
  • Floppy Drive support
  • OneDrive nel pacchetto Windows Live Essentials
  • Windows Update (gli utenti delle versioni Home non potranno controllare l’installazione degli aggiornamenti)

Chi ha aderito all’iniziativa Windows Insider e sta già provando le versioni di Preview di Windows 10 riceverà automaticamente la versione finale il 29 Luglio ma lo stato della licenza sarà subordinato all’eventuale installazione precedente di Windows 7/Windows 8.1.

NOTA: il 29 Luglio verrà distribuita esclusivamente la versione finale di Windows 10 per PC e Tablet. Le altre versioni (Mobile, XBox, IoT) saranno disponibili successivamente.

Per maggiori informazioni fate riferimento al Blog di Windows o allo speciale su NeoWin.

[Omnia / Luca Zaccaro]

  • Share on OkNotizie
  • Share on Twitter
  • Share on Facebook
Categorie
Tecnologia

[Solved] Windows 10 – Something went wrong

Announcing Windows 10

Se anche voi state provando le Build di sviluppo di Windows 10 e vi siete imbattuti nell’errore “Something went wrong” durante la creazione dell’utente la soluzione potrebbe essere tanto banale quanto insolita: usate un portatile? E magari la vostra batteria è “morta” (nel senso che non riesce più a caricarsi)? Bene, staccatela e riprovate l’installazione solo con l’alimentazione elettrica.

Funziona?

[Omnia / Luca Zaccaro]

  • Share on OkNotizie
  • Share on Twitter
  • Share on Facebook
Categorie
Tecnologia

Windows 10 – IE è pronto?

Windows 10, ormai lo sapete, verrà distribuito con nuovo browser di default, Edge, su PC, Tablet e Smartphone.

Sapete anche che sui PC Internet Explorer non verrà rimosso per motivi di retrocompatibilità (soprattutto con i siti Intranet aziendali). Quello che forse non avete notato è che nell’ultima Build distribuita agli Insider (10074) andando nel menu “About Internet Explorer” troviamo la definizione “RTM” mentre nelle precedenti Build trovavamo l’indicazione “11.0.8 (Build 10011)”.

Windows 10 IE11

Quindi? IE non subirà più modifiche da qui al rilascio ufficiale di Windows 10 (previsto per l’estate)?

A breve lo sapremo 🙂

[Omnia / Luca Zaccaro]

  • Share on OkNotizie
  • Share on Twitter
  • Share on Facebook
Categorie
Tecnologia

Windows 10 BSOD WatchDog Violation – Soluzione

Windows 10 WatchDog Violation

Se vi è capitato di recente di ricevere una BSOD mentre testate Windows 10 (appena provate ad usare il trackpad del vostro portatile) il colpevole potrebbe essere un driver distribuito tramite Windows Update: Synaptics SMBus TouchPad.

Usando un altro PC collegatevi in Desktop Remoto e date un’occhiata in “Gestione Dispositivi”.. Controllate se avete installato l’accoppiata periferica/driver riportata in figura. In tal caso basta fare click con il tasto destro del mouse su “Synaptics SMBus ToucPad” e scegliere “Ripristina” dal tab “Driver”. Il portatile si riavvierà e non dovreste più ricevere la BSOD.

Non so se Windows Update tenterà di nuovo di scaricare questo Driver, vi terrò aggiornati!

[Omnia / Luca Zaccaro]

  • Share on OkNotizie
  • Share on Twitter
  • Share on Facebook
Categorie
Tecnologia

Chrome supporterà Windows Xp fino a fine 2015

Ieri Google ha comunicato che continuerà a supportare Chrome su Windows XP almeno fino alla fine dell’anno in corso. In precedenza il termine del supporto era fissato al mese corrente, Aprile 2015.

Google sconsiglia in ogni caso l’utilizzo di questo Sistema Operativo ormai non più supportato nemmeno da Microsoft stessa (gli ultimi aggiornamenti sono stati diffusi un anno fa), ma riconosce che c’è ancora una fetta di mercato (circa il 17%, secondo i dati di NetMarketShare) che non ha ancora effettuato l’aggiornamento e che quindi ha bisogno di un browser sicuro per navigare in Internet.

Aggiungo un mio commento personale, ripreso dagli articoli che avevo scritto a suo tempo: se avete necessità di usare ancora Windows XP fate il possibile affinché non sia collegato alla rete.  È assolutamente poco sicuro navigare con un Sistema non più supportato. Se proprio dovete farlo usate un browser diverso da IE. Se invece siete utenti “Home” e non volete spendere soldi per l’aggiornamento (o per un nuovo PC) siate comunque coscienti dei pericoli a cui andate incontro e attrezzatevi di conseguenza.

[Omnia / Luca Zaccaro]

  • Share on OkNotizie
  • Share on Twitter
  • Share on Facebook
Categorie
Info

Windows 10: what’s Next?

Announcing Windows 10

Qualche giorno fa vi raccontavo quali erano le mie aspettative rispetto all’evento che Microsoft ha tenuto lo scorso 21
Gennaio. Direi che è il caso di tornare sull’argomento per un sommario di quanto abbiamo visto e di quello che ancora
rimane da scoprire.

Al centro dell’attenzione c’era, come era prevedibile, Windows 10. Per prima cosa abbiamo scoperto che gli “Insider”,
ovvero i beta tester volontari, sono stati fino ad ora 1,7 milioni.. un numero davvero incredibile! In secondo luogo
abbiamo scoperto, con parole che andranno analizzate più nel dettaglio in futuro, che l’aggiornamento a Windows 10 sarà
gratuito durante il primo anno successivo alla disponibilità generale per tutti gli utenti di Windows 8.1, Windows Phone
8.1 e Windows 7.

Facciamo una prima pausa su questo importantissimo punto: come vedete sono esplicitamente esclusi dall’aggiornamento
gratuito Windows 8 e Windows Phone 8 dato che Microsoft ha più volte ribatito di considerare la gamma di rilascio “8.1”
come un aggiornamento obbligatorio di questa serie. Incerto è invece il futuro di Windows RT su cui non ci sono
dichiarazioni ufficiali (sembra che i dispositivi RT riceveranno comunque un aggiornamento che però non conterrà tutte le
novità di Windows 10). C’è anche da aprire una enorme parentesi: durante l’evento si è più volte parlato del futuro di
Windows come OS-as-a-Service.. anche annunciando l’upgrade gratuito (entro il primo anno) è stato specificato che in
seguito verranno garantiti aggiornamenti costanti e gratuiti per tutta la durata del dispositivo. Io l’ho capita in questo
modo: arriverà un momento in cui gli aggiornamenti continueranno ad essere gratuiti ma l’aggiunta modulare di nuove
funzionalità sarà soggetta al pagamento di un contributo mensile/annuale (come già avviene per Office 365). Non sono stati
comunque annunciati i prezzi per le versioni Upgrade/Retail di Windows 10 al termine del primo anno di promozione. È stato
invece specificato che non sarà previsto l’aggiornamento gratuito per le versioni Enterprise (né per le versioni Server).

Il capitolo successivo è dedicato alle Universal App (Office in particolare) e alla versione “Mobile” di Windows 10 di cui verrà distribuita una Preview a Febbraio. Microsoft sta spingendo molto sulle Universal App (Applicazioni disponibili sullo Store sviluppate una sola volta e compatibili con PC/Tablet/Smartphone/Xbox) per un semplice motivo: se è vero che esiste un “App Gap” per Windows Phone dovuta alla sua scarsa diffusione è sicuramente altrettanto vero che gli sviluppatori non potranno più ignorare questo ecosistema che conterà in un prossimo futuro anche un miliardo e mezzo di dispositivi “tradizionali” con Windows. E se lo Store (che sarà unico) si riempie i primi ad esserne felici saranno proprio quelli di Microsoft viste le percentuali sulle vendite. Le nuove Univeral App che saranno disponibili di default in Windows 10 sono tutte ben fatte ma un discorso a parte va fatto per Office 16: la nuova suite per l’ufficio sarà disponibile sia in versione “Standard” (con il nome di Office 2016, entro la fine dell’anno) che in versione “Universal”, disponibile gratuitamente e di default su tutti i dispositivi “Mobile”. Una Preview di questa Universal App comparirà sullo Store (beta) nelle prossime settimane ma quanto visto durante la dimostrazione è decisamente promettente.

Continuum. È stato mostrato il comportamento di Windows 10 nel passaggio tra la modalità “classica” e quella “mobile” (ad esempio quando viene rimossa la tastiera del Surface. Bene quello che hanno mostrato, anche se ho la sensazione che ci sia ancora un po’ di lavoro da fare in questo senso.

Cortana. Ormai sono in pochi a non conoscere l’assistente vocale di Microsoft. In America e altre zone del mondo è già da tempo disponibile su Windows Phone ma con Windows 10 sarà disponibile su tutti i dispositivi e diventerà davvero un “assistente globale e personale”, capace di parlare anche la nostra lingua.

Microsoft ha anche presentato “Project Spartan“, un nuovo Browser (per cui si sta ancora scegliendo il nome definitivo) che sfrutterà una versione speciale del motore di Internet Explorer pensata per non scendere a compromessi con la compatibilità ma per offrire sempre la migliore modalità di presentazione (il vecchio motore sarà caricato automaticamente se il sito visitato la richiede). Si tratterà di una App che consentirà anche di salvare annotazioni personali sulle pagine e di creare vere e proprie liste di lettura disponibili off-line. Anche se Spartan non è ancora stato incluso nelle Build di Windows 10 distribuite agli Insider è già possibile testarne il motore modificando le impostazioni di IE con il comando “about:flags”. Da quello che ho capito Internet Explorer resterà comunque disponibile (non so se con una dodicesima versione o meno) come applicazione tradizionale e supporto alla compatibilità.

L’evento si è poi concentrato sul Surface Hub (sofisticatissima lavagna per conferenze con un sacco di sensori) e su HoloLens, un innovativo progetto di supporto agli ologrammi di cui sicuramente sapremo di più mei prossimi mesi. Per quanto si tratti anche in questo caso di grandi novità trovo che vadano un po’ al di là degli obiettivi di questo articolo quindi, per il momento, non approfondirò l’argomento.

Rispetto a quelle che erano le mie speranze direi che il risultato è più che ottimo. Resta da capire quale sarà il futuro di Windows Media Center e soprattutto della versione Server di Windows 10 (di cui non si sente più parlare da qualche mese ormai).

Per il momento è comunque disponibile una nuova Technical Preview (la Build 9926) per testare alcune delle novità introdotte fino ad oggi e che verrà aggiornata con più frequenza rispetto al passato (soprattutto avvicinandosi alla versione finale). Per quanto mi riguarda ho testato sia l’installazione pulita che l’aggiornamento diretto da Windows 7 tramite Windows Update (che è andato incredibilmente bene!).

Cosa ne pensate? Avete già fatto qualche prova?

[Omnia / Luca Zaccaro]

  • Share on OkNotizie
  • Share on Twitter
  • Share on Facebook