Categorie
Tecnologia

Windows 7 compie un anno!

Microsoft celebra oggi il primo compleanno di Windows 7, il simbolo della “rinascita” del colosso di Redmond dopo gli ultimi, appannati, anni della gestione Gates.

Seven non è un sistema rivoluzionario, è costruito partendo dalle “ceneri” di Vista SP1 (e di Server 2008 SP1) con il preciso scopo di rimediare a quello che è stato universalmente riconosciuto come un errore (anche se con gli aggiornamenti attualmente disponibili anche Vista è un ottimo sistema).

Microsoft ha deciso dunque di chiudere per sempre la parentesi di Vista presentando con un nuovo brand una “seconda edizione” di tale sistema. E la missione è riuscita!

Windows 7 ha subito conquistato il mercato grazie alla sua velocità, alla stabilità e alla sicurezza (oltre che alla martellante presenza nel mercato OEM).

E se non volete credere a me o all’azienda stessa, allora dovrete chinare il capo di fronte ai dati di diffusione: secondo NetMarketShare, Windows 7 ha conquistato in un solo anno di disponibilità il 17,10% dei computer al mondo, piazzandosi subito dietro all’immortale (almeno per ora) Xp che domina ancora la classifica con il suo 60,03% di diffusione. Ma anche questa è una notizia: Xp si appresta (probabilmente già a novembre) a scendere sotto la soglia psicologica del 60%, ovviamente a favore di Seven.

Ancora non siete convinti? Bene, abbiamo detto che in un anno Windows 7 ha una diffusione del 17,10%. Sapete quanto ha “totalizzato” Vista in ben 45 mesi? Il 13,35%. Esatto, nel 25% del tempo di disponibilità Windows Sette non solo ha raggiunto, ma addirittura sorpassato e distaccato la sua precedente versione.

Ma Windows 7 non è solo una questione di numeri. E’ davvero un sistema eccellente, a suo agio su tantissimi sistemi, da quelli più recenti fino a quelli prodotti ad inizio del decennio (diciamo, per esperienza diretta, dal 2002). E ha avuto un successo mondiale perché ha dato da subito risposte positive laddove Vista aveva fallito: larga base d’applicazione, periferiche facilmente riconosciute, nessuna “corsa” al primo service pack (che, tra parentesi, sarà disponibile nella prima metà del 2011) e soprattutto compatibilità con gli applicativi più vecchi grazie ad Xp Mode, una macchina virtuale in cui far girare i programmi compatibili solo con Windows Xp.

Ed ora un mio personalissimo commento: l’insuccesso (di pubblico) di Windows Vista ha costretto Microsoft ad una corsa senza precedenti per “costruire” Seven ma ora gli ottimi risultati raggiunti possono permettere a Microsoft di pensare con calma ad una revisione completa del proprio sistema operativo. Ci sono due vie percorribili.. sappiamo dell’esistenza (in sviluppo) di Windows 8 ma anche delle ricerche interna su Midori e Singularity. Chiediamoci: Microsoft vorrà continuare a lavorare partendo dalla base di Windows 7 per costruire Windows 8 oppure dichiarerà concluso lo sviluppo del suo “Finestre” per concentrarsi completamente su un nuovo concetto di Sistema Operativo, completamente modulare e virtualizzato e fortemente orientato al cloud? Insomma.. cosa andrà ad affiancare Azure e Windows Phone 7 tra un paio d’anni? Potremo averne una anticipazione solo quando vedremo comparire in rete le primissime versioni “rubate” delle pre-beta di “Next” (come Microsoft ama chiamare la “Prossima” versione di un suo sistema operativo). Una data? secondo me settembre/ottobre 2011.

Voi cosa ne pensate?

[Omnia / Luca Zaccaro]

  • Share on OkNotizie
  • Share on Twitter
  • Share on Facebook