Categorie
Tecnologia

Microsoft Windows Build String Analysis

Nota: l’articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale

Forse (ma forse anche no) a qualcuno di voi sarà venuto un dubbio leggendo i recenti rumors su Windows 8 (e quelli di tre anni fa su Windows 7): “Ma perché tanto rumore per un numero di versione?” In effetti la domanda è legittima.. Beh, sappiate che la storia è lunga e non è affatto scontata.. mi sono attivato per saperne di più. Quello che riporto è in parte una traduzione di altri articoli e in parte alcune mie considerazioni aggiuntive..

Prima di tutto una precisazione generale che vale ancora oggi: la funzione GetVersion() delle API di Windows restituisce un intero a 32 bit, dove il primo bit è ad uso interno, i successivi 8 bit rappresentano il numero di Major Version (6 per Windows 8), altri 8 bit per il numero di Minor Version (2 per Windows 8) e gli ultimi 15 bit rappresentano il Build Number (e, se ho capito bene, anche in questo caso il primo bit è riservato e ne restano 14)

Tempi addietro, quando Windows NT muoveva i primi passi, il sistema era semplice: ogni volta che si compilava una nuova build si aumentava di una unità il valore precedente.

Le cose iniziarono a cambiare con Windows 2000 e soprattutto con Xp (dove si decise che il numero di Build finale dovesse essere divisibile per 100).

Il maggior cambiamento avvenne, neanche a dirlo, con Windows Vista. Da quel momento in poi infatti il QFE (Quick Fix Engineering, che si occupa di pubblicare gli Hotfix o Limited Distribution Release) decise che gli ultimi 4 bit che identificano il numero di versione dovessero essere riservati alla versione del Service Pack (0000 per la versione iniziale, 0001 per il SP1 e così via fino ad un ipotetico SP15) e che, oltre ad essere divisibile per 100, il numero di build della RTM dovesse essere anche divisibile anche per 16 (perché il Target Build Number, ovvero le prime due cifre, deve esserlo). Va da se che, così facendo, le “build candidate” a diventare versioni finali hanno salti di 400 unità (Windows 7 ha avuto le ultime build di sviluppo nel ramo 7200/7300 ed è stata dichiarata RTM con la versione 7600). In realtà c’è un ulteriore step: le versioni candidate a diventare RTM, quelle cioè che sono sottoposte a votazione (come sta accadendo oggi con Windows 8), presentano anche un numero di sotto-build che, sempre a richiesta del QFE, parte da 16384 (2^14) e aumenta di una unità alla volta per i bug-fix senza più vincoli. Questo particolare valore serve per identificare uno “Start Point” da cui partire per enumerare gli aggiornamenti di tipo GDR (General Distribution Release) e LDR (Limited Distribution Release) dedicati rispettivamente agli Updates e agli Hotfix. Questo valore di Sub-Build viene quindi incrementato ad ogni aggiornamento e, dato che i rami dello sviluppo sono diversi, sarà diversa anche la “classe” del Sub-Build number (es. 16xxx e 20xxx per Windows 7 SP0). Quando viene pubblicato un Service Pack questi due rami si “riuniscono” per poi dividersi nuovamente in nuove classi (es. 17xxx e 21xxx per Windows 7 SP1).

Se tutto questo è vero allora ecco spiegato quello che sta avvenendo con Windows 8: l’ultima build di sviluppo apparteneva al ramo 85xx, poi è stato fatto un salto alla build 8888.16384 che, per quanto suggestiva, non rispettava la regola del “16” ed ecco che arriviamo alla tanto miseriosa Build 9200.16384 (la scelta valida successiva).

Un altro paio di annotazioni:

Windows Vista/Server 2008 ha avuto come numero di Build 6.0.6000.16386
Windows 7/Server 2008R2 ha avuto come numero di Build 6.1.7600.16385 (6000+1600)

Se seguiamo questo trend e aggiungiamo 1600 a 7600 otteniamo proprio 9200.

Questo numero ritorna anche in questa strana combinazione:

Windows Vista  > 6000 / 16 = 375
Windows 7 > 7600 / 16 = 475
Windows 8 ?  > 9200 / 16 = 575

Strano vero?

Chissà se le previsioni saranno confermate.. per ora vi lascio con un Trivial: abbiamo detto che GetVersion() può restituire come massimo valore di Build il numero 32767. Cosa succederà dopo? E, ancora prima, cosa succederà quando il numero di Build supererà la soglia di 9999 (i programmi attuali sono tarati per identificare quattro cifre..)?

Lascio a voi i commenti per qualsiasi aggiunta / correzione..

Fonti secondarie: WinUnleaked

[Omnia / Luca Zaccaro – via Neowin]

  • Share on OkNotizie
  • Share on Twitter
  • Share on Facebook
Categorie
Tecnologia

Windows 8: ecco il primo leak

L’attesa è finalmente finita: una prima versione (davvero primordiale) di Windows 8 è stata diffusa su internet e resa disponibile sul server FTP di BetaArchive!
Smorzate gli entusiasmi, si tratta di una versione molto vecchia, addirittura precedente a quella mostrata al CES. La build string completa è 6.1.7850.0.winmain_win8m1.100922-1508_x86fre_client-enterprise_en-us, il che indica come data di pubblicazione il 22 settembre scorso.
Scaricatela e installatela, magari in virtuale, ma non aspettatevi alcuna delle caratteristiche che vi sono state recentemente presentate. Molte non erano ancora state sviluppate, altre ancora probabilmente saranno bene al sicuro all’interno del codice sorgente del nuovo sistema operativo.
Ma, che diamine, era un leak di Windows 8 che stavate aspettando? Ed eccovi accontentati 😉

[Omnia / Luca Zaccaro]

  • Share on OkNotizie
  • Share on Twitter
  • Share on Facebook
Categorie
Tecnologia

Windows 8: “Completamente differente dalle versioni precedenti”

Siamo entrati ufficialmente nell’era di Windows 8. Il nuovo sistema operativo di Microsoft è ancora in fase di intensa progettazione (leggete in fondo all’articolo) ma l’azienda di Redmond ha iniziato ad alimentare l’hype mediatico, proprio come è accaduto con Seven.
Un po’ di chiarezza: Windows 8 (per ora è ancora un nome in codice) dovrebbe essere pronto tra la fine del 2011 e il 2012. Questo è ciò che sappiamo per certo, dalle varie presentazioni di Microsoft.
Ora iniziano le (doverose) speculazioni: si è detto che probabilmente “Eight” sarà distribuito esclusivamente per processori a 64 Bit, mentre è stat0 smentito il supporto ai 128 Bit.
Fin qui niente di importante. Se non che qualche giorno fa, sul blog di MSDN, è apparso un post (subito rimosso) che titolava “Whats in store for the next Windows?”. Qui la versione nella cache di Google e di seguito il contenuto del post:

[note]

“Folks started asking me whats in Windows 8 – and the first thing I have to say is that I resonate Steven Sinofsky’s interview on who said we’re calling it Windows 8? I agree with Steven that till things are baked there is no point floating ideas since it leaves people frustrated when things don’t turn out the way they expected. The Windows team promised to deliver a smarter, faster and more user friendly OS with Windows 7 and they delivered just that – the latest quaterly results of Microsoft are a clear indication that Windows 7 has been a success and customers got what Microsoft had promised them! The plan is to use a similar approach for the next version of Windows and till things are finalized you’re not going to get a “marketing” name from us:)
So how am I referring to the next version of Windows without saying that many words – well simple – Windows.next:) This is definitely not the official version but a version that is becoming common along my circle. So what are our plans for this next version…
The minimum that folks can take for granted is that the next version will be something completly different from what folks usually expect of Windows – I am simply impressed with the process that Steven has setup to listen to our customers needs and wants and get a team together than can make it happen. To actually bring together dozens and dozens of teams across Microsoft to come up with a vision for Windows.next is a process that is surreal! The themes that have been floated truly reflect what people have been looking for years and it will change the way people think about PCs and the way they use them. It is the future of PCs…
One of the great (or maybe not so great) things of being at Microsoft is that every other person wants to ask you why Windows works the way it does. Since I’m part of the Windows update team I get asked even more why does my machnie reboot everytime there is an update and why are there so many updates. So naturally once Windows 7 shipped, my friends, neighbours, relatives, and whoever else you can imagine started asking me So whats next?
Thats about it for this post for the time being – I know I’m not sharing much at this point but right now I can’t as we work towards finalizing that vision. Feel free to post your comments on what you think Windows.net should be like!
Folks started asking me whats in Windows 8 – and the first thing I have to say is that I resonate Steven Sinofsky’s interview on who said we’re calling it Windows 8? I agree with Steven that till things are baked there is no point floating ideas since it leaves people frustrated when things don’t turn out the way they expected. The Windows team promised to deliver a smarter, faster and more user friendly OS with Windows 7 and they delivered just that – the latest quaterly results of Microsoft are a clear indication that Windows 7 has been a success and customers got what Microsoft had promised them! The plan is to use a similar approach for the next version of Windows and till things are finalized you’re not going to get a “marketing” name from us:)So how am I referring to the next version of Windows without saying that many words – well simple – Windows.next:) This is definitely not the official version but a version that is becoming common along my circle. So what are our plans for this next version…The minimum that folks can take for granted is that the next version will be something completly different from what folks usually expect of Windows – I am simply impressed with the process that Steven has setup to listen to our customers needs and wants and get a team together than can make it happen. To actually bring together dozens and dozens of teams across Microsoft to come up with a vision for Windows.next is a process that is surreal! The themes that have been floated truly reflect what people have been looking for years and it will change the way people think about PCs and the way they use them. It is the future of PCs…One of the great (or maybe not so great) things of being at Microsoft is that every other person wants to ask you why Windows works the way it does. Since I’m part of the Windows update team I get asked even more why does my machnie reboot everytime there is an update and why are there so many updates. So naturally once Windows 7 shipped, my friends, neighbours, relatives, and whoever else you can imagine started asking me So whats next?Thats about it for this post for the time being – I know I’m not sharing much at this point but right now I can’t as we work towards finalizing that vision. Feel free to post your comments on what you think Windows.net should be like!”

[/note]

Ciò che ci interessa è la frase che, tradotta, recita “Il minimo che la gente si aspetta è che la prossima versione di Windows sia qualcosa di completamente diverso dalla precedente versione”.

Apriti cielo! Ecco fiumi e fiumi di interventi su Internet. Se io ne scrivo solo oggi è colpa solamente dell’Università..
Ma cosa può voler dire “completamente differente”? Non lo sappiamo ancora. Io provo a fare una lista (in ordine sparso) di ciò che vorrei che fosse Windows 8:

Kernel estremamente modulare con gestione dei driver in una sandbox

MinWin (versione ridotta all’osso del kernel che lancia poi tutti gli altri moduli. Occupa circa 25 Mb)

– Transizione verso il paradigma OCGM con supporto al multitouch e ai comandi vocali in tutte le lingue

– Avvio superveloce con supporto ottimale per gli SSD e caricamento del non-necessario in background

– Ulteriore implementazione delle funzioni di virtualizzazione

Tre versioni: Lite (licenza OEM), Home (licenza Retail) e Professional (licenza Volume)

– Eliminazione o totale ri-progettazione del registro di sistema. I programmi dovrebbero essere più “portabili”, senza installazione e senza lasciare tracce sull’HD eccetto che nella propria cartella

– Riprogettazione del File System (magari sotto veste di DBMS) per eliminare del tutto la frammentazione

– Eliminazione di explorer e nuova UI basata su Aero e il già citato paradigma OCGM

– Integrazione eccellente con Project Natal

Nuovo browser, oppure un IE9 ripensato nelle sue componenti di base e nel suo legame con l’OS

Sto chiedendo troppo? Probabilmente sì. Mi basterebbe che un paio dei punti sopra descritti fossero messi in atto 😉

Ci sarà qualcuno che ora penserà: “Non ce la faranno mai a fare un nuovo Windows entro il 2012”.

Attenti: Microsoft lavora su Windows 8 da almeno 6 anni! Era il 2004 quando la fase di progettazione di Longhorn si bloccò all’improvviso. Una divisione riprese il lavoro da capo e da qui nacque Vista (e quindi Seven), mentre un secondo gruppo si mise a studiare la rivoluzione allora chiamata “Blackcomb”. Ebbene, Blackcomb è molto probabilmente ciò che noi oggi chiamiamo Windows 8: WinFS vi dice qualcosa? In realtà fino all’anno scorso si è trattato di un lavoro di pura progettazione. Solo negli ultimi mesi si è passati a qualcosa di più pratico.

Ed ecco ora, direttamente da WZor, una possibile prova di quanto ho appena detto: sarebbero state compilate le primissime Build di Windows 8, contrassegnate da un numero di versione superiore a 7700 (l’ultima sarebbe la 7705.0.100129-1930). Per ora non sappiamo nulla di più (se non che, probabilmente, si arriverà ad un 8000 tondo tondo..) ma questo ci basta per dichiarare ufficialmente aperta l’era di Windows 8.

Microsoft, visti gli ultimi lavori, si è guadagnata la fiducia di molti scettici ed è ora lecito aspettarsi davvero una versione di Windows diversa dalle precedenti, senza per questo cadere in facili parallelismi con quanto accadde per Windows Vista..

Lancio anche un azzardo: Windows.next

[Omnia/Luca Zaccaro]

  • Share on OkNotizie
  • Share on Twitter
  • Share on Facebook
Categorie
Tecnologia

Ufficiale: Windows 7 RTM è tra noi!

Dopo i rumors, ecco infine l’ufficialità: Brandon LeBlanc ha confermato sul Blog Ufficiale di sviluppo che Windows 7 ha raggiunto lo stadio di RTM (termine che non coincide con la dicitura Gold). Ecco il testo in inglese:
[note]

I am pleased to announce that Windows 7 has RTM’d!
As I mentioned previously, RTM officially happens only after sign-off occurs. What happens is a build gets designated as a RTM contender after going through significant testing and meeting our quality bar for RTM. Then, it goes though all the validation checks required for RTM including having all languages of that build completed. If all the validation checks have passed – sign-off for RTM can occur. Today after all the validation checks were met, we signed off and declared build 7600 as RTM.
Not only is RTM an important milestone for us – it’s also an important milestone for our partners. Today’s release is the result of hard work and collaboration with our partners in the industry to make Windows 7 a success. We delivered Windows 7 with a predictable feature set on a predictable timetable that allowed OEMs to focus on value and differentiation for their customers.
Our customers told us what they want (and expect) and we defined those specific experiences and then built features to support them (like HomeGroup and the Windows Taskbar enhancements). Our customers also told us that “fundamentals” on both the hardware and software side was extremely important. Windows 7 today runs great on the broadest array of hardware types ranging from netbooks to high-end gaming machines. We worked closely with OEMs so that their PCs delight customers with the new features in Windows 7.
Of course, today’s release is also the result of the amazing amount of feedback we received from the millions of people who tested Windows 7 – from Beta to RC. We actually had over 10 million people opt-in to the Customer Experience Improvement Program (CEIP). That’s a lot of people opting in to help us make Windows 7 a solid release. Through CEIP, our engineers were guided by customer feedback all the way to RTM. We also have had a great group of beta testers who have dedicated a great deal of their time to testing Windows 7 too. A special thank you goes out to all the people who helped test Windows 7.
I’d also like to give a shout-out to my friends over on the Windows Server Team. Today they are also announcing that Windows Server 2008 R2 has RTM’d. Windows 7 and Windows Server 2008 R2 together can help businesses cut costs and increase productivity. Click here to read their blog post on Windows Server 2008 R2 RTM.
The RTM code will be delivered to our partners within the next few days who will then start preparing to deliver some amazing new products timed to hit at General Availability (GA) of Windows 7 on October 22nd. And going forward, I expect to be showcasing MANY of these new products here on The Windows Blog.
We continue to be overwhelmed at the community’s response to Windows 7 and it has been an extremely rewarding experience to witness. We hope the enthusiasm will continue to grow even more as our partners build amazing experiences with their products and Windows 7.
If you want to know when you’ll be able to get RTM of Windows 7, click here to read my post from yesterday outlining which audiences will get access to the RTM bits.

I am pleased to announce that Windows 7 has RTM’d!

As I mentioned previously, RTM officially happens only after sign-off occurs. What happens is a build gets designated as a RTM contender after going through significant testing and meeting our quality bar for RTM. Then, it goes though all the validation checks required for RTM including having all languages of that build completed. If all the validation checks have passed – sign-off for RTM can occur. Today after all the validation checks were met, we signed off and declared build 7600 as RTM.

Not only is RTM an important milestone for us – it’s also an important milestone for our partners. Today’s release is the result of hard work and collaboration with our partners in the industry to make Windows 7 a success. We delivered Windows 7 with a predictable feature set on a predictable timetable that allowed OEMs to focus on value and differentiation for their customers.

Our customers told us what they want (and expect) and we defined those specific experiences and then built features to support them (like HomeGroup and the Windows Taskbar enhancements). Our customers also told us that “fundamentals” on both the hardware and software side was extremely important. Windows 7 today runs great on the broadest array of hardware types ranging from netbooks to high-end gaming machines. We worked closely with OEMs so that their PCs delight customers with the new features in Windows 7.

Of course, today’s release is also the result of the amazing amount of feedback we received from the millions of people who tested Windows 7 – from Beta to RC. We actually had over 10 million people opt-in to the Customer Experience Improvement Program (CEIP). That’s a lot of people opting in to help us make Windows 7 a solid release. Through CEIP, our engineers were guided by customer feedback all the way to RTM. We also have had a great group of beta testers who have dedicated a great deal of their time to testing Windows 7 too. A special thank you goes out to all the people who helped test Windows 7.

I’d also like to give a shout-out to my friends over on the Windows Server Team. Today they are also announcing that Windows Server 2008 R2 has RTM’d. Windows 7 and Windows Server 2008 R2 together can help businesses cut costs and increase productivity. Click here to read their blog post on Windows Server 2008 R2 RTM.

The RTM code will be delivered to our partners within the next few days who will then start preparing to deliver some amazing new products timed to hit at General Availability (GA) of Windows 7 on October 22nd. And going forward, I expect to be showcasing MANY of these new products here on The Windows Blog.

We continue to be overwhelmed at the community’s response to Windows 7 and it has been an extremely rewarding experience to witness. We hope the enthusiasm will continue to grow even more as our partners build amazing experiences with their products and Windows 7.

If you want to know when you’ll be able to get RTM of Windows 7, click here to read my post from yesterday outlining which audiences will get access to the RTM bits.[/note]

Ecco una sintesi di quando potrete scaricare/acquistare Windows 7:

  • OEM partner: 24/07/2009 (in Inglese, con LP in Italiano)
  • Connect, Technet, MSDN: 06/08/2009 (in Inglese)
  • Volume License (con SA): 07/08/2009 (in Inglese)
  • Gold Partners: 16/08/2009 (in Inglese)
  • Volume License (senza SA): 01/09/2009 (in Inglese)
  • Tutti i gruppi precedenti: 01/10/2009 (anche in Italiano)
  • Enthusiasts, beta tester, il mondo intero: 22/10/2009 (anche in Italiano)

Ovviamente non è segnata sulla tabella, ma tutti noi “disporremo” di Windows 7 RTM + LP in Italiano già dal weekend 😉

Ecco ora un video in cui si mostrano spezzoni del “sign-off day” a Redmond (compresa la festa):

Ecco invece l’annuncio ufficiale di Steve Ballmer e Steven Sinofsky:


Windows 7 Sneak-Peak from MGX

NB: a quanto pare hanno deciso di non modificare la Build. La RTM rimarrà “etichettata” come 7600.

NB2: anche Windows Server 2008 R2 ha raggiunto la fase RTM: leggi qui

Stay tuned, aggiornamenti in giornata 😉

[Omnia/Luca ZaccaroWindows 7 Team]

  • Share on OkNotizie
  • Share on Twitter
  • Share on Facebook
Categorie
Tecnologia

Windows 7 RTM: Ci Siamo (forse)

UPDATE: 12/07/2009 ore 18:30

Sembra proprio che questo non sia un fake! I vari siti “specializzati” (WZor, PCBeta ecc..) hanno confermato la notizia. E’ stato reso disponibile il file “Setup.exe” e su PCBeta sembra sia in corso l’upload della versione a 64 Bit. Non ho ben capito se in inglese o in cinese..

WZor ci informa che il giorno 10/07/2009 il codice della RTM è stato scelto tra le candidate 7269, 7270 e 7271.

Inoltre il sito russo arriva a sostenere che la vera RTM verrà assemblata e FIRMATA domani 13/07/2009 (come previsto ormai da settimane). Sarà differente da quella conosciuta oggi per due numeri: 6.1.7600.16386.win7_rtm.090710-1945 invece di 6.1.7600.16384.win7_rtm.090710-1945

Subito sarà distribuita ai TAP via Connect. Sugli altri circuiti (MSDN, Technet) dovrebbe arrivare il giorno 24/07/2009 e sicuramente verrà “rubata”.

Queste ultime voci sono ancora tutte da verificare ma per la “Gold Version” è in ogni caso questione di ore.

Ecco intanto alcuni screenshots della (presunta) RTM:

Screenshot 1

Screenshot 2

Screenshot 3

PS: chissà se qualcuno si degnerà di spiegarci se quel “7600” ha un significato..

———————————————————————————————–

Le prossime saranno ore di febbrile ricerca in giro per la rete. Dopo gli “spoiler” made in China, anche WZor ha confermato che la versione finale di Windows 7 (RTM) sarebbe stata compilata. Niente di strano. Compilata il 10/07/2009 proprio come ci si aspettava. Ma c’è qualcosa di veramente misterioso e incomprensibile che sta già rivoltando il Web. Ecco la (presunta) build-string di Windows 7 RTM:

6.1.7600.16384.win7_rtm.090710-1945

Notato niente? Build 7600! Ma come? Dopo la Beta (7000), la RC (7100) e il ramo IDX (7200) sarebbe stato logico ri-compilare la RTM come 7300. In termini di scommesse si può dire che le puntate erano chiuse.

Invce pare proprio che Microsoft abbia stupito tutti “sfornando” questa Build 7600. Ma qual è il senso di un salto così grande? Intanto dobbiamo vedere quanto di questa notizia verrà confermato. Certo che questo potrebbe indicare anche “qualche” bella sorpresa.

Nota: se la notizia fosse confermata la compilazione della RTM sarebbe avvenuta anche per Windows Server 2008 R2

Stay Tuned 😉

[Omnia/Luca Zaccaro – via WZor]

  • Share on OkNotizie
  • Share on Twitter
  • Share on Facebook
Categorie
Tecnologia

Windows 7: rubata (forse) la Build 7264

Stando a quanto raccontano su SevenForums sarebbe stata rubata a Microsoft la privatissima Build 7264 sia a 32 che a 64 bit. Non si sa ancora se questo furto ci sia stato realmente o no, né se si tratta di fake. Sicuramente ne sapremo di più tra un’oretta circa (le 19 ora Italiana) quando queste “fantomatiche” Build saranno interamente uploaddate su un server FTP (?) per poi finire inevitabilmente sulle solite reti torrent.

Finiti i “se” e i “ma” circa la veridicità passiamo alla natura della Build stessa. Anche qui non si hanno dati certi. Se decidiamo di credere al sito russo WZor, la Build 7264 (compilata il 22 Giugno) fa parte della stretta cerchia di “canidate” a diventare la versione definitiva e sarebbe ancora in “lotta” con la Build 7265.

Va ricordato che c’è già stato un fake sulla Build 7264, questo: 6.1.7264.0.win7_rtm.090620-1900

La stringa esatta dovrebbe essere questa: 6.1.7264.0.win7_rtm.090622-1900

il “ladro” sarebbe il solito SoLoR

Seguiranno presto aggiornamenti

PS: ci tenevo a sottolineare che, nel caso si trattasse di un “furto non programmato” potrebbe esserci un tracking nel codice. Wait and see..

[Omnia/Luca Zaccaro – via SevenForums]

  • Share on OkNotizie
  • Share on Twitter
  • Share on Facebook
Categorie
Tecnologia

Neptune, il Windows che non fu

Da domani ogni giorno potrebbe essere quello buono per la “segnatura” della versione finale (RTM) di Windows 7. Giusto dunque che i blogger si dedichino all’evolversi di questa notizia.

Oggi però volevo raccontarvi una storia che forse non conoscete. Sì perché, esattamente 10 anni fa, iniziava in Microsoft lo sviluppo di un Sistema Operativo che non vide mai la luce: Windows Neptune.

Windows 2000, pensato e progettato come sistema Server/Aziendale era “appena nato” e in Microsoft volevano creare il primo sistema operativo “Home” a 32-Bit.

Il kernel sarebbe stato ereditato in larghissima parte proprio da Windows 2000, così come l’interfaccia grafica. Anche il nome, secondo fonti interne: Windows 2000 Home.

Neptune si differenziava da Windows 2000 per l’aggiunta di tante piccole “features” come una bozza di firewall integrato.

Il sistema prometteva bene: utilizzava circa l’80% delle risorse di Windows 2000 e offriva la possibilità di aggiornare DirectX e Internet Explorer.

La storia di Neptune si interrompe nel momento in cui Microsoft decise di unire questo gruppo di programmatori con quelli di Windows 2000. Dalla loro collaborazione nacque Whistler, che di sicuro conoscete meglio con il nome di Windows Xp.

Neptune non è mai stato rilasciato ufficialmente, tuttavia esistono due Build in rete che è possibile scaricare per vie “poco legali” come accade con le varie versioni di Windows 7. Se avete una macchina virtuale da far lavorare, le due stringhe magiche sono Neptune Build 5000 e 5111.

Prima di dare il benvenuto a Seven, provate quello che sarebbe potuto diventare il “Sistema Leggendario” al posto di Xp 😉

[Omnia/Luca Zaccaro – via hardwaregadget]

  • Share on OkNotizie
  • Share on Twitter
  • Share on Facebook
Categorie
Tecnologia

Windows 7 Build 7231 VHD Leaked

Probabilmente sono tra i primi ad annunciarlo ma, al contrario di quanto previsto, è stata rubata un’altra Build di 7. No, non si tratta della miseteriosa 7230 appartenente al ramo _sp di cui si parla da giorni, ma di una nuovissima build del ramo winmain e quindi sicuramente etichettata come Pre-RTM (quindi potenzialmente la stessa RTM). Sto parlando della Build 7231!

Il sito russo WZor ci offre un link per scaricare il sistema operativo in formato VHD, proprio come aveva fatto con la 7227 qualche giorno fa. Ora è tardi e non voglio soffermarmi oltre.

Se volete provare questa build sulla quale non si hanno notizie ufficiali qui sotto c’è un link. Altrimenti scaricatevi tranquillamente la Build 7229 😉

Link – Windows 7 Build 7231 VHD (da verificare)

SHA1: E947CB5AAD1DB581162C1F44F97C9B0E49E70E0A)
SIZE: 5,214,876,672 byte
CRC5710D7DF
MD5E11D5A0BE7EC9379141A07F831DE87ED
SHA1: D6315A1D8D89D30D7EA948AD93D572203D155193

UPDATE (12/06/2009)

Ho scaricato l’hard disk virtuale e ho usato un po’ questa build 7231 del ramo winmain. Devo dire che la prima cosa che ho notato (e l’unica, visto che l’ho usato per dieci minuti) è che nell’EULA è ancora presente la voce “Release Candidate” mentre sul desktop fa ancora capolino il simpatico pesce ormai globalmente conosciuto come “BeTTa Fish”. Ciò mi fa intendere che questa non sia una vera e propria RTM-Escrow..

Ma potrei sbagliarmi 😉

Ecco intanto qualche screenshot:

[Omnia/Luca Zaccaro – via WZor]

  • Share on OkNotizie
  • Share on Twitter
  • Share on Facebook
Categorie
Tecnologia

Windows 7 Build 7229 Leaked!

“Call a plumb!”

Al grido di “chiamate un idraulico” in questi ultimi mesi è sempre stata annunciata una build di Windows 7. E oggi il furto dell’ultima build di test non fa certo eccezione.

Forse ci troviamo davanti alla build attesa con più impazienza dai tester, perchè da qui alla RTM i cambiamenti saranno praticamente nulli. Anzi, forse ci troviamo già di fronte ad una RTM-Escrow dato che, secondo alcuni rumors, le chiavi di Microsoft non funzioneranno con questa build dato che è destinata agli OEM.

Non si può ancora dire nulla di questa build dato che per il momento è disponibile solo il download della x64 (e solo da pochi minuti). Appena ne so di più posterò quealche informazione aggiuntiva. Intanto ecco i torrent!

Link – Windows 7 Build 7229 32 Bit

BUILD: 6.1.7229.0.winmain.090604-1901 – last WinIQ SIGNOFF build!
7229.0.090604-1901_x86fre_client_en-us_OEM_Ultimate-GRMCULFREO_EN_DVD.iso
SIZE: 2,426.87 MB
MD5: b4c090f45f2a6ce136c4413a8e56a631
SHA1: b3fec2cfc05b6004864ab7ef99a1f9c7ee8d8ba4
CRC32: b1bbd756

Link – Windows 7 Build 7229 64 Bit

BUILD: 6.1.7229.0.winmain.090604-1901 – last WinIQ SIGNOFF build!
7229.0.090604-1901_x64fre_client_en-us_OEM_Ultimate-GRMCULXFREO_EN_DVD.iso
SIZE: 3,111.09 MB
MD5: 32460cb7abb9bf5eac65aea7034c798b
SHA1: f3df1990d9242c48bc56515534911838df0abea9
CRC32: 04fc6b18

Link – Windows 7 Build 7229 Language Pack (non confermato)

scaricate il file *.zip al cui interno troverete i torrent dei LP a 32 e 64 bit. Non so quali lingue ci siano dato che ho appena iniziato a scaricarlo

[Omnia/Luca Zaccaro – via SevenForums]

  • Share on OkNotizie
  • Share on Twitter
  • Share on Facebook
Categorie
Tecnologia

Windows 7 sign-off: appuntamento al 19 Giugno

Certo che quelli di WZor sanno come attirare l’attenzione degli internauti! Dopo qualche giorno off-line causa Server, i “russi” sono tornati con una notizia sensazionale (da considerarsi come un rumor): Il 19 Giugno potrebbe essere la data del Sign-Off per Windows 7. Dopo un meeting tra i cervelloni di MS che inizerà nel week end, dovrebbe concludersi la diffusione delle build ai partner. Windows 7, dopo la build 7230 (winmain), dovrebbe entrare nello stato di “Sign-Off”. Cosa significa? Questione di termini. Se vi piace di più potete chiamarlo “code freeze” ma la sostanza è che verranno tolti i giga di debug, verranno abilitate tutte le versioni, incluse le lingue della Wave 0, scoperte eventuali sorprese finali e il codice verrà dichiarato chiuso. Da quel momento in poi presumibilmente si parlerà di “fase RTM” a tutti gli effetti con la riscrittura dell’EULA, la valutazione dei prezzi e, forse, i primi discorsi di marketing. E Windows 7, la tanto sospirata RTM, sarà pronta, entro metà luglio.

Ricapitoliamo. Nel ramo winmain è stata compilata la build 7230 che molto probabilmente verrà etichettata come “RTM-Escrow” e che forse sarà rubata già stanotte domani sera (fuso orario russo). Poi ci sarà un vuoto fino al 19 Giugno. E dopo? WZor dice che dopo quella data potrebbe essere rubata nientemeno che una RTM-Build prima ancora che questa venga distribuita ai manufacturing!

Occhio ragazzi! Windows 7 è pronto e la prossima settimana potrebbe essere quella decisiva 😉

PS: intanto è stata diffusa (sempre da WZor) la Build 7227 in formato VHD. Link? ThePirateBay..

[Omnia/Luca Zaccaro via WZor]

  • Share on OkNotizie
  • Share on Twitter
  • Share on Facebook