Categorie
Politica

La Patata Bollente

— DISCLAIMER —

Il sottoscritto è schifato dai reati di concussione e sfruttamento della prostituzione minorile e crede che i condannati, dopo i tre gradi di giudizio, debbano scontare le relative pene.

————————

Silvio Berlusconi è un genio. Nessuno lo può negare. Lo si può odiare alla follia, lo si può ritenere inadatto per guidare una nazione, lo si può desiderare full-time alla sbarra a rispondere alle domande di un magistrato, ma la sostanza è che Berlusconi resta un genio.

Prendete il videomessaggio a reti (quasi)unificate lanciato ieri sera all’ora di cena: la situazione è grave, così come l’accusa. Non tanto per la particolare situazione (Ruby di diciassettenne aveva ben poco), quanto per il fatto che si va a discutere di come il Primo Ministro di una Nazione esponga il proprio Paese all’estero con i suoi atteggiamenti. Insomma, Berlusconi è (sarebbe) inguaiato. E lui, una volta tanto, non si tira indietro: i videomessaggi segnano i momenti-clou dell’avventura politica del Cavaliere, e questo è un momento assolutamente decisivo. Potrebbe essere il brusco tramonto della sua era (già giunta, peraltro, all’ultimo atto) o un insperato elisir di lunga vita politica. Berlusconi ha parlato al cuore di sessanta milioni di cittadini, esponendo le sue ragioni. Ovviamente dovrà ripetere (e dimostrare) le stesse convinzioni davanti ai magistrati, ma l’atto in sé è un segnale importante.

Torniamo al messaggio: in TV ho visto un uomo anziano e parecchio stanco. Anche se la stanza è la stessa (o comunque una di quelle vicine), le sensazioni e le emozioni del messaggio della “discesa in campo” sembrano lontani anni luce. Il Cavaliere, in abito formale, spiega con chiarezza di cosa è stato accusato e perché, secondo lui, si tratta di accuse infondate (nel merito: il presunto “concusso” negherebbe tale ipotesi e Ruby avrebbe sempre dichiarato di avere 24 anni). Non risparmia agli spettatori parole cruenti come “sesso” e “rapporti sessuali” (che stridono parecchio con l’immagine di un Presidente del Consiglio di quasi ottanta anni) né concetti altrettanto forti espressi (magistralmente) grazie all’uso delle tecniche di comunicazione non verbale (lo sguardo, ma soprattutto il pugno chiuso al termine del discorso). Insomma, non si tratta del classico messaggio propagandistico (o almeno, non lo è in superficie) ma di una vera e propria memoria difensiva, non di fronte ai giudici ma alla sua nazione.

Ci siamo, manca meno di un minuto alla fine del messaggio. Lo spettatore medio non ha ancora assorbito per intero i contenuti del discorso e le conseguenze che tali fatti potrebbero avere sul Governo e sul futuro del Paese ed ecco che il genio gioca il suo asso nella manica. Lo ricordate l’ormai celebre “Aboliremo l’ICI” con cui guadagnò in 10 secondi parecchi punti percentuali alle politiche 2006? Beh, più o meno il livello è quello: Berlusconi termina la sua arringa, cambia tono, assume l’aria del cane bastonato e annuncia candidamente che non può aver fatto sesso con Ruby, semplicemente perché, da quando si è separato da Veronica Lario, è legato sentimentalmente ad una persona che non avrebbe permesso che tali eventualità si verificassero.

Basta, il telespettatore-tipo (quello a cui era davvero rivolto il messaggio) è catturato e ha già dimenticato tutta la vicenda di Ruby: Berlusconi ha una ragazza misteriosa. La priorità diventa automaticamente quella di scoprire il suo nome.

Nonostante la gravità della situazione (si è trattato della classica mossa della disperazione) non c’è reato che tenga, e i detrattori di Berlusconi possono farci ben poco. Quando si tratta di “apparire” il Cavaliere è un autentico genio. Quella di distrarre l’attenzione della massa dal vero problema dirottandola altrove è forse la prima regola di quello che viene comunemente definito come “controllo mentale delle masse”.

Naturalmente questo giochetto non funziona con tutti, e Berlusconi sarà “costretto” a dare spiegazioni più convincenti o, se non ne fosse capace, di rassegnare le dimissioni (ma, a questo punto, le dimissioni sarebbero a mio parere una buona scelta in entrambi i casi). In fondo si tratterebbe di sfruttamento della prostituzione minorile e concussione, messe in atto dal Presidente del Consiglio in persona. Mica poco..

Resta comunque valido il solito discorso sulla giustizia ad orologeria: quanto può essere “casuale” la notizia dell’imputazione di Berlusconi dopo poche ore dal pronunciamento della consulta sul legittimo impedimento?

Ma io, fossi tra i detrattori di Berlusconi, starei attento a cantare vittoria.. io qualcosina avevo già scritto in merito. E in casi come questi nulla può essere dato per scontato.

A proposito, sarà Nicole Minetti?

Se volete qui c’è il video integrale.

[Omnia / Luca Zaccaro]

  • Share on OkNotizie
  • Share on Twitter
  • Share on Facebook
Categorie
Life

2010 – MMX

Anno nuovo, nuovo decennio.. cosa ci aspetta, o cosa vorremmo ci aspettasse in questo 2010 appena iniziato?

Partiamo dall’alto, dalla situazione mondiale. Il 2010 potrebbe essere l’anno in cui, se riuscirà a lasciarsi alle spalle la crisi mondiale, l’America di Barack Obama tornerà ad essere grande, una guida sociale, economica, tecnologica. Certo, il Mondo non è più quello degli anni novanta, oggi c’è la Cina, c’è una Europa (almeno sulla carta) più forte ma l’assenza americana degli ultimi anni si è fatta sentire non poco. In questi 12 mesi seguiremo da vicino l’evoluzione della vicenda iraniana, sia dal punto di vista civile che militare (con la corsa all’atomica), il rapporto tra le due Coree sempre appeso a un filo e, perché no, un nuovo spunto di tensione tra USA e Russia sulla base di una nuova corsa allo spazio (Luna, Marte, Scudo Spaziale..).

Scendiamo un po’ più nel dettaglio: dopo la ripartenza del trattato di Lisbona, il 2010 potrebbe essere l’anno dell’Europa. Anche se ci credo poco, il nuovo assetto del Governo Europeo dovrebbe garantire più stabilità e più compattezza nelle decisioni. Ma diciamocelo, ci crediamo ancora a questa Europa?

Scavalchiamo le Alpi e mettiamo piede in Patria. Silvio Berlusconi potrà anche essere un criminale (come pensa qualcuno), ma ha ricevuto decine di milioni di voti dagli elettori sovrani e dovrebbe avere il diritto (come pensano decine di stati Occidentali e Democratici) di governare, rinviando alla fine della legislatura il confronto con i processi che lo riguardano. Durante questo anno abbiamo visto quanto sia inefficace la tecnica dell’attacco personale nei confronti del Presidente del Consiglio. i “proiettili” lanciati addosso al Cavaliere hanno solo danneggiato il nostro Paese perché non hanno contribuito a spodestarlo e gli hanno impedito di dedicarsi in toto all’adempimento del suo mandato. Le sedi competenti continuino il loro lavoro e, nel 2013, presenteranno i risultati a cui saranno giunti. Intanto Bersani e il PD dovrebbero isolare Di Pietro e iniziare a lavorare davvero insieme al PdL per le riforme istituzionali. Dopo le regionali di Marzo il terreno potrebbe essere fertile. E passiamo proprio al PdL. Sperare, si sa, non costa nulla. Speriamo dunque che nel 2010 il partito riesca a prendere più le forme di ciò di cui porta il nome, un partito politico. Chi pensa ad una fuga di Fini sbaglia clamorosamente. Fini è uno dei pochi che possono aspirare alla “Cadrega” di Berlusconi. Non piace alla Lega ma è molto apprezzato dagli elettori e da parte della sinistra benpensante. Dunque iniziamo a pensare al futuro. Non credo che Berlusconi, dopo la fatica che ha fatto per mettere insieme i pezzi, voglia davvero consegnare ai posteri (politici) un partito senza futuro. PdL >> Governo, il passo è breve. Dato per certo (l’abbiamo detto poche righe sopra) che sognare non costa nulla, vorremmo che durante questo anno venissero presi provvedimenti in grado di sfruttare davvero i timidi segnali di ripresa economica. Come fatto notare da gente più preparata di me, questo significherebbe assegnare a qualcun altro, non socialista, il Ministero dell’Economia. In realtà è molto difficile che accada questo. Pensiamo dunque a istituire una figura all’interno del Governo che possa lavorare e mediare con Tremonti per dare uno spruzzo (mica tanto) di liberismo all’azione dell’Esecutivo. Solo sogni, non trovate? Potrei continuare, parlando di Giustizia, Riforma Costituzionale, Riforma Elettorale, Par Condicio.. ma non possiamo certo aspettarci così tanto da soli 12 mesi 😉

Passiamo ora alle aspettative “tecnologiche e geek” che animano il 2010: sarà, nel bene o nel male, l’anno del Digitale Terrestre. Lo Switch-Off sarà completato in tutta Italia e finalmente potremo giudicare davvero i pro e i contro di questa tecnologia. Saremo poi invasi da piccoli dispositivi, faremo fatica a dire se si tratta di cellulari, smartphone o PC ultraportatili. Vedremo la diffusione degli e-book reader, del WiMax, del Cloud-Computing, del Web 3.0 (anche se non sappiamo bene di cosa si tratterà..). Se Windows 7 continuerà a vendere così bene, difficilmente vedremo una prima milestone di Windows 8 (dovremo attendere, a mio parere, gli inizi del 2011). Conosceremo Office 2010, Windows Mobile 7 e chissà cosa da Apple e Google (Chrome OS su tutti). Andando avanti in ordine sparso vedremo poi la nascita della TV-3D da salotto, l’arrivo di WordPress 3, le nuove versioni di Firefox (forse), la diffusione a prezzi umani dei dischi SSD e tante, tante altre cose.

Degni di nota saranno anche i giochi olimpici invernali di Vancouver, i mondiali di calcio in Sudafrica e forse (previsione molto azzardata anche secondo il sottoscritto) la mia laurea 😉

Avete altre aspettative? Commentate, commentate, commentate!

[Omnia/Luca Zaccaro]

  • Share on OkNotizie
  • Share on Twitter
  • Share on Facebook