Categorie
Tecnologia

Windows 8 e il supporto CPU

Anche se Microsoft continua a ricordarci che “Windows 8 [Release Preview] works gread on the same hardware that powers Windows 7” in realtà non è così: il nuovo sistema operativo infatti è effettivamente paragonabile a Seven (e anzi, per esperienza diretta vi dico che sullo stesso hardware funziona anche meglio) ma porta con se dei requisiti non ben specificati che ne rendono impossibile l’installazione su alcuni computer che in realtà potrebbero supportarlo a meraviglia.

I limiti imposti da Microsoft fanno riferimento soprattutto al microprocessore. Prima di pensare ad un upgrade dovete infatti assicurarvi che la vostra CPU supporti il set di istruzioni SSE2 (Streaming SMID Extensions 2) e le funzioni PAE (> 32-bit physical addresses) e NX (no-execute page protection). Questa ultima può anche essere supportata ma disabilitata nel BIOS, quindi controllate!

Al momento non sono noti workaround quindi inserite il modello del vostro processore su Google e andate alla ricerca di una pagina di specifiche tecniche. Prima di acquistare (tipicamente la versione Windows 8 Pro) vi consiglio anche di provare la versione Enterprise resa disponibile da Microsoft in prova per 90 giorni. Se riuscirete ad installare con successo questa versione allora non avrete problemi nell’upgrade.

Come la penso in merito? Non lo so.. sembra che tali restrizioni siano state introdotte dalla versione ‘Release Preview’ (mi sembra di ricordare che la ‘Consumer Preview’ funzionava a dovere sul mio vecchio P4 3GHz) e che abbiano il preciso scopo di garantire una base comune per tutte le installazioni.

Certo, non sarebbe male se qualcuno scoprisse un metodo per evitare questo controllo e permettere di installare, a proprio rischio e pericolo (e con finalità di test), Windows 8 anche su dispositivi “non ufficialmente supportati”..

Voi cosa ne pensate?

[Omnia / Luca Zaccaro]

  • Share on OkNotizie
  • Share on Twitter
  • Share on Facebook