Categorie
Tecnologia

Windows 8: trapelano le ISO e i Retail Box

Windows 8 ha raggiunto lo stadio finale di RTM una settimana fa e, come era prevedibile, sono già disponibili in rete quasi tutte le ISO delle varie edizioni (io ho contato Windows 8 PRO x86/x64, Windows 8 ENTERPRISE x86/x64, Windows 8 ENTERPRISE N x64 e Windows Server 2012 Datacenter). Sembra anche che sia disponibile un server KMS on-line per l’attivazione illegale del prodotto ma non fornirò né link né commenti in quanto la ritengo una pratica sbagliata,  senza contare che probabilmente tale server non durerà a lungo (e poi, con i prezzi di aggiornamento trapelati, non vale assolutamente la pena di attivare illegalmente questo prodotto).

Sono state invece pubblicate da The Verge (a cui vanno i crediti dell’immagine) le presunte “Retail Box” di Windows 8 e Windows 8 Pro. La prima cosa che salta all’occhio è la modifica dei colori: Le versioni “Home” e “Professional” sono da sempre contraddistinte rispettivamente dai toni del Verde e del Blu. Tuttavia, dato il nuovo logo, ritengo che il contrasto Bianco/Nero renda assai bene l’idea della differenza tra le due edizioni. Spicca al centro della facciata principale il già citato nuovo logo, mentre nell’angolo superiore destro abbiamo uno “squarcio” verso quella che sembra l’anima del Sistema: lo sfondo del logo e dello squarcio è infatti una rappresentazione, presumibilmente astratta, di colori. Probabilmente un inno alla nuova “filosofia del colore” che l’interfaccia Metro ha portato così prepotentemente nel Sistema Operativo di Microsoft. Che dire, a me non dispiacciono per niente, così come non mi dispiace quasi nulla del nuovo design. Avrei invece qualcosa da dire sulla UI Desktop che, a quando mi sembra di vedere dagli screenshot apparsi in rete, non ha raggiunto quel grado di fusione armonica con il Metro-design che tutti ci aspettavamo (una cosa su tutte: le icone di Sistema sono rimaste quelle del tema “Aero” di Windows 7).

Voi cosa ne pensate? Vi piacciono i Box? State provando Windows 8?

PS: i box sono solo due perché le versioni “ARM” e “ENTERPRISE” non saranno vendibili direttamente all’utente finale.

[Omnia / Luca Zaccaro]

  • Share on OkNotizie
  • Share on Twitter
  • Share on Facebook
Categorie
Tecnologia

Windows 7 FAQ

Prima che Windows 7 appaia sui nostri scaffali è utile riepilogare ciò che di certo sappiamo su questo sistema. Questo articolo è un riassunto di vari altri miei interventi e di ciò che si può leggere in rete.

  • Cos’è Windows 7?
  • Windows 7 è il nuovo sistema operativo di Microsoft per uso casalingo e aziendale. È affiancato da una specifica versione per Server chiamata Windows Server  2008 R2. Windows 7 è stato sviluppato partendo dalle caratteristiche di Windows Vista e Windows Server 2008. In seguito sono state aggiunte nuove funzionalità e il sistema in generale è stato oggetto di una pesante rivisitazione per renderlo più veloce, stabile e reattivo soprattutto su hardware datati. Lo sviluppo di Windows 7 è passato attraverso 7 fasi: M1, M2, M3 fino al terzo trimestre del 2008, Alpha fino Gennaio 2009, Beta fino a Maggio 2009, RC fino a luglio e RTM (versione finale). Durante lo sviluppo alcune versioni intermedie (destinate agli sviluppatori) sono state diffuse illegalmente su Internet. Microsoft ha rilasciato ufficialmente al pubblico due versioni intermedie: la Beta (Build 7000, Gennaio 2009) e la RC (Build 7100, Maggio 2009).
  • Quando verrà venduto Windows 7?
  • Microsoft ha ufficialmente comunicato che Windows 7 raggiungerà lo stato di GA (disponibilità generale) il giorno 22 Ottobre 2009. A partire da quella data potremo acquistare PC con Windows 7 pre-caricato e trovare i Box di Windows 7 sugli scaffali dei negozi. La versione diffusa il 22 Ottobre sarà quasi identica alla versione RTM (disponibile tra pochi giorni) e destinata ai produttori di Hardware. In alcuni Paesi (Stati Uniti, Giappone, Canada) è già possibile ordinare copie di Windows 7 o pianificare gli aggiornamenti. Per il mercato europeo i pre-ordini saranno disponibili dal 31 agosto 2009.
  • Quali saranno le versioni di Windows 7?
  • Windows 7 sarà disponibile nelle seguenti edizioni: Starter, Home Basic, Home Premium, Professional, Enterprise, Ultimate. Nei negozi tuttavia troveremo esclusivamente le versioni Home Premium e Professional (la corrispondente versione di Vista Businness). Le altre sono versioni dedicati a mercati emergenti, ai netbook o a particolari situazioni aziendali/gestionali. Windows 7 Ultimate è invece la versione più completa che comprende tutte le caratteristiche delle altre edizioni ma pare che sarà ordinabile esclusivamente on-line.
  • Quanto costerà Windows 7?
  • Microsoft ha reso noto il costo in dollari delle edizioni “full retail” (quelle acquistabili nei negozi). Per il mercato europeo (dove è più che probabile un rapporto euro dollaro 1:1) si dovrà attendere il 15 Luglio. Windows 7 Home Premium costerà 199,99$, la versione Professional costerà 299,99$ mentre la Ultimate sarà disponibile al costo di 319,99$. Microsoft ha già comunicato anche il costo delle versioni “aggiornamento”, rispettivamente di 119,99$, 199,99$ e 259,99$. Inoltre sono stati resi noti i costi dei pre-ordini per gli aggiornamenti già attivi in alcuni Paesi: la versione Home Professional costerà solo 49,99$ mentre quella Professional 99,99$.
  • Come funzioneranno gli aggiornamenti a Windows 7?
  • Microsoft ha già pianificato una strategia di aggiornamento che prevede la possibilità di aggiornare il proprio Windows Vista alla rispettiva versione di Seven e il proprio Sever 2008 alla rispettiva versione di Server 2008 R2. I particolari erano disponibili in documento Microsoft, ora ritirato dal sito ufficiale, di cui potete trovare una sintesi qui. Come è facile intuire da quanto ho scritto qui sopra la funzionalità di Upgrade non sarà disponibile per possessori di Windows 1, 2, 3, 4, 5. In questi casi sarà necessaria una installazione pulita (assistita dagli strumenti Microsoft per la migrazione dei files). A causa delle politiche antitrust imposte dall’Unione Europea, la funzionalità di aggiornamento non sarà presente in Europa prima del 2010. Per ovviare a questo inconveniente Microsoft ha deciso di rendere disponibile nel territorio europeo per un periodo limitato le versioni “Full” a prezzi molto più accessibili (simili a quelli dei pre-ordini) con modalità che verranno comunicate il 15 Luglio prossimo.
  • Windows 7 sarà venduto in Italiano?
  • . Le versioni RTM e GA saranno disponibili in tutte le lingue, compreso l’Italiano. Non ci sarà più bisogno di scaricare i Language Pack per utilizzare il nuovo sistema nella nostra lingua come accadeva per la build intermedie.
  • Quale sarà il Kernel di Windows 7?
  • Secondo quanto spiegato dagli ingegneri Microsoft, Windows 7 è il settimo sistema operativo della software house (dopo Windows 1, Windows 2, Windows 3, Windows 9x, Windows  5.x, Windows Vista), pertanto il suo Kernel è identificabile con la stringa NT 7.0. tuttavia, per permettere una piena compatibilità con Windows Vista e Windows Server 2008, Microsoft ha deciso di “scrivere” 6.1 invece che 7.0 così che le applicazioni che richiedono una versione del Kernel 6.x possano funzionare anche sotto Windows 7. Non si tratta dunque di un Windows Vista Second Edition come molti raccontano in quanto, pur leggendo 6.1, il Kernel non appartiene alla famiglia NT 6.x (quella di Vista).
  • Con quali architetture verrà venduto Windows 7?
  • Windows 7 sarà disponibile sia a 32 Bit che a 64 Bit. Le due versioni non saranno comparabili (non si potrà fare l’aggiornamento da una architettura all’altra). Le versioni a 64 Bit possono funzionare solo con processori a 64 Bit mentre quelle a 32 Bit possono funzionare anche con processori a 64 Bit. Le differenze tra le architetture sono notevoli, quella che forse per ora attira di più l’attenzione dell’utente medio è che la versione a 64 Bit riconosce correttamente quantitativi di RAM pari o superiori a 4 GB.
  • Ho acquistato un nuovo PC. Potrò avere Windows 7 gratis?
  • Alcuni produttori di Hardware hanno stretto un patto con Microsoft in base al quale chi comprerà un PC imballato dopo il 26 giugno 2009 in cui ci sarà Windows Vista pre-installato troverà un foglietto che permetterà di ricevere, dopo il 22 Ottobre, una copia di Windows 7 (di solito la Home Premium) a un prezzo di circa 7$, pari alle spese di spedizione. Va sottolineato che non è una regola generale. Alcuni produttori aderiscono all’offerta, altri no. Se siete interessati è sempre meglio informarvi presso il vostro negozio di fiducia.
  • Il mio sistema operativo continuerà ad essere supportato?
  • Senza stare a scavare troppo nel passato, le versioni con Service Pack di Windows Vista saranno supportate ancora per qualche anno, così come accadrà per Windows Server 2008. Per quanto riguarda Windows Xp, Microsoft ha terminato il supporto generale il 9 aprile scorso. Questo vuol dire che fino all’aprile del 2014 verranno distribuiti gratuitamente solo gli aggiornamenti di sicurezza. Se invece la vostra preoccupazione è “posso continuare ad usare il mio Windows 95 (o 98, o 2000…)?” la risposta è, ovviamente, sì. Ma non aspettatevi il supporto di Microsoft.
  • I driver delle mie periferiche funzioneranno con Windows 7?
  • Uno dei punti di forza di Seven è il supporto Driver. Il sistema riconosce autonomamente una miriade di dispositivi ed è possibile accedere ad una altrettanto vasta raccolta di aggiornamenti driver dal sito Microsoft Upgrade. Se volete installare driver specifici sappiate che la quasi totalità dei driver scritti per Windows Vista/Server 2008 funzionerà alla perfezione su Seven. Anche molti driver scritti per Windows 2000/Xp funzioneranno a dovere sul nuovo sistema operativo. È però sempre consigliato visitare il sito del produttore del dispositivo per vedere se sono disponibili versioni appositamente sviluppate per Windows  7 (per esempio con Ati e nVidia per le schede video).
  • Ho scaricato una Build di Windows 7 da internet. Potrò continuare ad usarla?
  • Le versioni del ramo “Beta” (quelle che terminano con la Buld 7000) sono in scadenza e non saranno più utilizzabili. Le versioni pari o successive alla RC (distribuita lo scorso 5 maggio) continueranno a funzionare fino a metà del 2010. A partire da febbraio/marzo tuttavia, il sistema si riavvierà ogni due ore. Per ovviare al problema esistono metodi illegali (crack) o metodi decisamente più legali e sicuri (acquistare Windows 7 nella sua versione definitiva). Dopo aver provato il sistema per più di un anno dovreste essere in grado di dire se si tratta di una spesa giustificata o meno. Ricordate che Microsoft ha promesso una nuova tecnologia di riconoscimento di copie pirata molto più “cattiva” del WGA che tutti conosciamo. Sta a voi decidere se spendere 50 Euro per comprare una versione originale o se andare alla ricerca di (im)probabili crack ogni volta che Microsoft modificherà il sistema di autenticazione.
  • Windows 7 verrà venduto insieme a Office 2010?
  • No, o almeno al momento non sembra che sarà così. Office 2010, di cui qualche settimana fa è stata “rubata” una Technical Preview, sarà disponibile nella prima metà del 2010 e sarà compatibile con Windows Xp/Vista/7.
  • Cosa succederà dopo Windows 7?
  • Non si sa ancora. Fino a qualche tempo fa sembrava che Microsoft fosse intenzionata a voltare pagina, a chiudere l’esperienza di Windows e riscrivere da zero un nuovo sistema operativo completamente modulare (Midori) a microkernel (MinWin). Dalle ultime indiscrezioni sembra tuttavia che il prossimo prodotto apparterrà sempre alla famiglia Windows pur non utilizzando più la tecnologia NT. È molto probabile dunque che presto sentiremo parlare di un ipotetico Windows 8 che non sarà caratterizzato dal kernel NT 8.0 ma da una nuova tecnologia di sviluppo (di nuovo MinWin?). Per ora sappiamo solo che lo sviluppo del nuovo sistema, pur essendo alle primissime fasi di progettazione, è già partito.

Questo articolo potrà subire delle modifiche nel corso delle prossime settimane

[Omnia/Luca Zaccaro]

  • Share on OkNotizie
  • Share on Twitter
  • Share on Facebook