Categorie
Life Tecnologia

La scelta

les jeux sont faits“. Ad honor del vero lo erano già da parecchi mesi ormai. Ma oggi inizia un nuovo capitolo.. Stay tuned!

[Omnia / Luca Zaccaro]

  • Share on OkNotizie
  • Share on Twitter
  • Share on Facebook
Categorie
Life Tecnologia

Caccia allo Smartphone

Che strano ritrovarsi a leggere recensioni, studiare specifiche e analizzare benchmark di smartphone senza quel famigliare e quasi rassicurante logo a forma di finestra sulla scocca che mi accompagna ormai da sette anni.. Ma la vita è anche e soprattutto questo: cambiamento.

Insomma: mi serve un nuovo cellulare. E mi serve ormai da qualche mese. Per questo nelle ultime settimane mi sono (ri)fatto un po’ di cultura.

I requisiti erano e restano molto semplici:

  1. La dimensione: scordiamoci i 5 pollici, non ne fanno più. Ma le dimensioni complessive devono essere paragonabili a quelle del mio attuale Lumia 650
  2. Il sistema operativo: non c’è molta scelta, se escludiamo iOS
  3. RAM: 4 o più GB di RAM
  4. 64 GB di ROM + SD o 128 GB di ROM senza SD
  5. Processore: SD835/Kirin970
  6. Velocità connessione: 4G
  7. Accessori: Jack, IrDA
  8. Prezzo: 300-450€

Chi avrà la meglio?

Presto, molto presto, lo saprete 🙂

[Omnia / Luca Zaccaro]

  • Share on OkNotizie
  • Share on Twitter
  • Share on Facebook
Categorie
Tecnologia

Microsoft e la settimana che cambierà il Mondo

Qualche parole su quella che può essere definita la settimana della “Resurrezione di Microsoft”. Scusate l’elenco puntato ma il poco tempo a disposizione mi costringe ad essere parecchio cinico 🙂

– Windows 8 è praticamente pronto. Dopo la versione “Release Preview” gli ingegneri e i programmatori stanno risolvendo gli ultimi bug, ritoccando l’interfaccia grafica per renderla omogenea in ogni sua parte e rimuovendo i codici di Debug. Tutto dovrebbe concludersi il giorno 01/08/2012 quando verrà compilata la versione finale. Da quel momento avremo un Sistema Operativo con Kernel NT 6.2 compatibile con le piattaforme x86 (32/64 bit) e ARM che saprà gestire le applicazioni scritte con il nuovo paradigma “RT” (le “Metro-App”) che saranno disponibili nel nuovo “Market/Store” e le applicazioni “Standard” (ovvero i classici eseguibili che conosciamo da ormai 25 anni) che saranno disponibili sul “Dekstop”

– Microsoft avrà un Tablet di nome Surface fatto in casa (come l’iPad) e disponibile con Windows 8 RT e Windows 8 Pro. Il Design è davvero carino (a parte lo spessore e il peso che vanno diminuiti) e l’idea della cover/tastiera è sicuramente innovativa. Quello che decreterà il successo o meno del prodotto sarà il prezzo di vendita (e il supporto eventuale alle reti 3G/4G che non ho capito se sarà presente o meno). Microsoft ha

detto che i prezzi saranno “concorrenziali” con quelli di iPad (modello ARM) e degli Ultrabook (modello x86).. io

sinceramente inizierei a vendere in perdita, magari a 499$ e 699$ rispettivamente. Sicuramente il valore è più

alto, anche solo per il sistema operativo che viene offerto, ma se l’obiettivo è aprire una “Tablet War”

sicuramente la strada giusta non è quella dei prezzi più alti della concorrenza dato che, in questo campo,

Microsoft è una outsider assoluta. Bisogna contare, così come vedremo tra un attimo, che all’inizio il Market di applicazioni sarà praticamente vuoto

– Anche Windows Phone 8 è pronto. Ed è una rivoluzione assoluta. A vederlo sembra la naturale evoluzione di Windows Phone 7.5 ma in realtà cambia tutto (ma proprio tutto) dato che il cuore di questo sistema non sarà più il vecchio “Windows CE” ma, per la prima volta in assoluto, sarà lo stesso di Windows 8, ovvero “Windows NT”. Questo vuol dire che le limitazioni di Windows Phone 7 (causate dal vecchio Kernel) saranno solo un brutto ricordo (parlo soprattutto del mancato supporto Multi-Core). A breve avremo dunque nuovi smartphone che, in sostanza, avranno Windows 8 RT (= Windows Phone 8) come sistema operativo, proprio come i “fratellini” Tablet e PC. Capite il potenziale? Una applicazione “Metro”, pubblicata sul nuovo Market/Store, sarà nativamente compatibile dovunque io voglia usarla, che si tratti di un Computer, di un Notebook, di un Tablet o di uno Smartphone. Basterà utilizzare l’ultima generazione di sistemi operativi (Windows 8, Windows Server 2012 e Windows Phone 8). Da qui nasce la scelta dolorosa ma necessaria di NON distribuire WP8 sui device della generazione corrente (nemmeno sui nuovissimi Lumia 900) dato che esistono limiti Hardware che impediscono l’Upgrade. La scelta, lo so, è contestabile, soprattutto se si pensa che le nuove applicazioni scritte per Windows Phone 8 NON saranno compatibili con Windows Phone 7.5. Per questo motivo Microsoft ha deciso di rendere disponibile un ultimo aggiornamento (7.8, supportato per 18 mesi) per la generazione corrente di Smartphone in cui porterà comunque molte delle novità presenti in WP8 (nuova Start Screen su tutte) ma non quelle legate all’Hardware (es: supporto NFC). Certo, probabilmente i consumatori un po’ smaliziati ora aspetteranno WP8 prima di comprare un nuovo Smartphone (agli altri non interessa tutto questo discorso) ma in compenso tra pochi mesi avermo davvero un ECOSISTEMA perfetto a disposizione

Ora capiamo perché Microsoft parlava di Windows 8 come della più grande scommessa della sua storia: per la prima volta si stanno lasciando alle spalle il loro punto di forza (la retro-compatibilità pressoché infinita) per creare un nuovo ecosistema tra dispositivi diversi che sarà facilmente manutenibile negli anni a venire.

Auguro a Microsoft di riuscire a portare a termine questo grandioso progetto, anche se in alcuni settori il ritardo accumulato rispetto alla concorrenza è davvero tanto (es: mercato Tablet). L’idea di interazione indipendente dal dispositivo che stanno cercando di proporre è davvero qualcosa di fantastico. E, a prescindere da quanto questo verrà compreso dal consumatore “tipico”, non c’è iOS che tenga. Anche e soprattutto in ambito lavorativo.

[Omnia / Luca Zaccaro]

  • Share on OkNotizie
  • Share on Twitter
  • Share on Facebook
Categorie
Life

2010 – MMX

Anno nuovo, nuovo decennio.. cosa ci aspetta, o cosa vorremmo ci aspettasse in questo 2010 appena iniziato?

Partiamo dall’alto, dalla situazione mondiale. Il 2010 potrebbe essere l’anno in cui, se riuscirà a lasciarsi alle spalle la crisi mondiale, l’America di Barack Obama tornerà ad essere grande, una guida sociale, economica, tecnologica. Certo, il Mondo non è più quello degli anni novanta, oggi c’è la Cina, c’è una Europa (almeno sulla carta) più forte ma l’assenza americana degli ultimi anni si è fatta sentire non poco. In questi 12 mesi seguiremo da vicino l’evoluzione della vicenda iraniana, sia dal punto di vista civile che militare (con la corsa all’atomica), il rapporto tra le due Coree sempre appeso a un filo e, perché no, un nuovo spunto di tensione tra USA e Russia sulla base di una nuova corsa allo spazio (Luna, Marte, Scudo Spaziale..).

Scendiamo un po’ più nel dettaglio: dopo la ripartenza del trattato di Lisbona, il 2010 potrebbe essere l’anno dell’Europa. Anche se ci credo poco, il nuovo assetto del Governo Europeo dovrebbe garantire più stabilità e più compattezza nelle decisioni. Ma diciamocelo, ci crediamo ancora a questa Europa?

Scavalchiamo le Alpi e mettiamo piede in Patria. Silvio Berlusconi potrà anche essere un criminale (come pensa qualcuno), ma ha ricevuto decine di milioni di voti dagli elettori sovrani e dovrebbe avere il diritto (come pensano decine di stati Occidentali e Democratici) di governare, rinviando alla fine della legislatura il confronto con i processi che lo riguardano. Durante questo anno abbiamo visto quanto sia inefficace la tecnica dell’attacco personale nei confronti del Presidente del Consiglio. i “proiettili” lanciati addosso al Cavaliere hanno solo danneggiato il nostro Paese perché non hanno contribuito a spodestarlo e gli hanno impedito di dedicarsi in toto all’adempimento del suo mandato. Le sedi competenti continuino il loro lavoro e, nel 2013, presenteranno i risultati a cui saranno giunti. Intanto Bersani e il PD dovrebbero isolare Di Pietro e iniziare a lavorare davvero insieme al PdL per le riforme istituzionali. Dopo le regionali di Marzo il terreno potrebbe essere fertile. E passiamo proprio al PdL. Sperare, si sa, non costa nulla. Speriamo dunque che nel 2010 il partito riesca a prendere più le forme di ciò di cui porta il nome, un partito politico. Chi pensa ad una fuga di Fini sbaglia clamorosamente. Fini è uno dei pochi che possono aspirare alla “Cadrega” di Berlusconi. Non piace alla Lega ma è molto apprezzato dagli elettori e da parte della sinistra benpensante. Dunque iniziamo a pensare al futuro. Non credo che Berlusconi, dopo la fatica che ha fatto per mettere insieme i pezzi, voglia davvero consegnare ai posteri (politici) un partito senza futuro. PdL >> Governo, il passo è breve. Dato per certo (l’abbiamo detto poche righe sopra) che sognare non costa nulla, vorremmo che durante questo anno venissero presi provvedimenti in grado di sfruttare davvero i timidi segnali di ripresa economica. Come fatto notare da gente più preparata di me, questo significherebbe assegnare a qualcun altro, non socialista, il Ministero dell’Economia. In realtà è molto difficile che accada questo. Pensiamo dunque a istituire una figura all’interno del Governo che possa lavorare e mediare con Tremonti per dare uno spruzzo (mica tanto) di liberismo all’azione dell’Esecutivo. Solo sogni, non trovate? Potrei continuare, parlando di Giustizia, Riforma Costituzionale, Riforma Elettorale, Par Condicio.. ma non possiamo certo aspettarci così tanto da soli 12 mesi 😉

Passiamo ora alle aspettative “tecnologiche e geek” che animano il 2010: sarà, nel bene o nel male, l’anno del Digitale Terrestre. Lo Switch-Off sarà completato in tutta Italia e finalmente potremo giudicare davvero i pro e i contro di questa tecnologia. Saremo poi invasi da piccoli dispositivi, faremo fatica a dire se si tratta di cellulari, smartphone o PC ultraportatili. Vedremo la diffusione degli e-book reader, del WiMax, del Cloud-Computing, del Web 3.0 (anche se non sappiamo bene di cosa si tratterà..). Se Windows 7 continuerà a vendere così bene, difficilmente vedremo una prima milestone di Windows 8 (dovremo attendere, a mio parere, gli inizi del 2011). Conosceremo Office 2010, Windows Mobile 7 e chissà cosa da Apple e Google (Chrome OS su tutti). Andando avanti in ordine sparso vedremo poi la nascita della TV-3D da salotto, l’arrivo di WordPress 3, le nuove versioni di Firefox (forse), la diffusione a prezzi umani dei dischi SSD e tante, tante altre cose.

Degni di nota saranno anche i giochi olimpici invernali di Vancouver, i mondiali di calcio in Sudafrica e forse (previsione molto azzardata anche secondo il sottoscritto) la mia laurea 😉

Avete altre aspettative? Commentate, commentate, commentate!

[Omnia/Luca Zaccaro]

  • Share on OkNotizie
  • Share on Twitter
  • Share on Facebook