Categorie
Internet

IE10 Preview per Windows 7: appuntamento a domani!

Come promesso da Microsoft sembra che molto presto (forse addirittura domani) potremo mettere le mani su una versione di valutazione del nuovissimo Internet Explorer 10 per Windows 7.

Oltre ad una aderenza agli standard HTML5 / CSS3 questa decima versione del browser porta con sé molte altre innovazioni. Occhio però, il download non sarà disponibile per Windows Vista (così come IE9 non è disponibile per Windows Xp).

Il browser è già disponibile in versione definitiva per Windows 8 ma a quanto pare il passaggio su Windows 7 non è così immediato e ha costretto Microsoft a prevedere una versione di valutazione per raccogliere anche il feedback degli utenti.

Staremo a vedere cosa succederà domani.. stay tuned 🙂

[Omnia  / Luca Zaccaro]

  • Share on OkNotizie
  • Share on Twitter
  • Share on Facebook
Categorie
Tecnologia

Windows 7 non avrà un SP2?

Non so se di recente (a me tra macchine di test e amici vari capita spesso) vi sia capitato di (re)installare Windows 7.. l’installazione in sé dura circa mezz’ora (anche meno, se usiamo una chiavetta USB) ma poi c’è da scaricare il SP1 (tra download, installazione e riavvio passa circa un’ora) e come se non bastasse un altro centinaio di aggiornamenti “Importanti” post-SP1. Risultato: solo per installare e aggiornare Windows si può perdere anche mezza giornata.

Di solito quando Microsoft conclude i lavori su un nuovo Sistema Operativo (Windows 8, in vendita da dopodomani) un gruppo di ingegneri inizia a lavorare sul successivo (e spesso ultimo) Service Pack per la versione precedente di Windows. Dato il successo mondiale di Windows 7 sembra francamente impossibile anche solo ipotizzare che questo non riceva, a breve, un Service Pack 2.

Vero, il sistema è performante e non presenta gravi bug o problemi di sicurezza, ma è anche impensabile pensare di investire diverse ore per renderlo “operativo” su un nuovo PC.

Sembra invece che questa volta le cose andranno in modo diverso. Stando a quanto scritto su Neowin, l’azienda di Redmond non avrebbe “alcun piano” riguardante un secondo Service Pack per Windows 7, forse perché vuole concentrare tutte le sue forze sul miglioramento di Windows 8 e sulla campagna di “arruolamento” al nuovo sistema di tutti gli utenti di Windows 7.

Probabilmente la questione riguarda il supporto: non prendete questi numeri come oro colato, ma pare che ogni Service Pack estenda il supporto primario di un Sistema Operativo di circa 24 mesi. Forse nell’ottica di un risparmio economico e di risorse, forse per evitare di creare un altro “Die Hard OS” come è stato Windows Xp, fatto sta che questo benedetto aggiornamento potrebbe non arrivare mai.

Se guardiamo alla storia di Windows NT possiamo vedere come il numero di Service Pack sia calato in modo continuo nella Storia (NT4: 6 SP, 2000: 4 SP + 1 Update Rollup, XP: 3 SP, Vista: 2 SP) ma questo non ci autorizza (o non dovrebbe autorizzarci) a pensare che sia cosa buona e giusta non avere un SP2 per Windows 7.

Se davvero Microsoft deciderà di proseguire su questa strada dovrebbe per lo meno pensare ad un “Update Rollup” per consentire a noi “poveri installatori” di scaricare un unico pacchetto che includa tutte o quasi le patch importanti Post-SP1.

Cosa ne pensate? Vi aspettate un secondo Service Pack per Windows 7 o passerete direttamente a Windows 8?

[Omnia / Luca Zaccaro]

  • Share on OkNotizie
  • Share on Twitter
  • Share on Facebook
Categorie
Tecnologia

Windows 7 SP1 è (quasi?) pronto!

Solo un paio di giorni fa Microsoft ha rilasciato (tramite Windows Update) l’aggiornamento KB976902, utile per “poter installare determinati aggiornamenti futuri”. In parole povere si tratta di piccole modifiche al settore del sistema operativo che si occupa dell’installazione dei Service Pack. Lo stesso aggiornamento era stato rilasciato la scorsa estate ai tester in procinto di provare la prima beta del SP1 di Windows 7 (e Windows Server 2008 R2). Se è vero che di solito servono 3 indizi per fare una prova, in questo caso possiamo accontentarci: la RC del SP1 è stata rilasciata ad Ottobre e la versione definitiva era attesa per i primi 3 mesi di questo 2011. Se ancora non vi basta, è di ieri la notizia (poi rivista) data da NeoWin sulla possibile distribuzione agli OEM del SP1 già nella giornata di oggi. Nelle stesse ore il solito WZOR annunciava il “leak” (diffusione preventiva non autorizzata) della versione finale del SP1 (7601.17514.10119-1850).

In realtà Paul Thurrot parla di questa build come una versione “vicina” a quella definitiva.

Il mio consiglio? Aspettate la release ufficiale di Microsoft. In fondo, se state utilizzando Windows 7 (che è già un ottimo sistema operativo) non otterrete nulla di più che tutte le patch  rilasciate finora (con qualche bugfix in più).

Per Windows Server 2008 R2 invece il SP1 sarà un po’ più corposo, in quanto includerà miglioramenti sul fronte della gestione della memoria, Hyper-V e soprattutto RemoteFX.

Pazienza dunque, in fondo si tratta di aspettare AL MASSIMO un mesetto e spiccioli.

[Omnia / Luca Zaccaro]

  • Share on OkNotizie
  • Share on Twitter
  • Share on Facebook
Categorie
Tecnologia

Windows 7 compie un anno!

Microsoft celebra oggi il primo compleanno di Windows 7, il simbolo della “rinascita” del colosso di Redmond dopo gli ultimi, appannati, anni della gestione Gates.

Seven non è un sistema rivoluzionario, è costruito partendo dalle “ceneri” di Vista SP1 (e di Server 2008 SP1) con il preciso scopo di rimediare a quello che è stato universalmente riconosciuto come un errore (anche se con gli aggiornamenti attualmente disponibili anche Vista è un ottimo sistema).

Microsoft ha deciso dunque di chiudere per sempre la parentesi di Vista presentando con un nuovo brand una “seconda edizione” di tale sistema. E la missione è riuscita!

Windows 7 ha subito conquistato il mercato grazie alla sua velocità, alla stabilità e alla sicurezza (oltre che alla martellante presenza nel mercato OEM).

E se non volete credere a me o all’azienda stessa, allora dovrete chinare il capo di fronte ai dati di diffusione: secondo NetMarketShare, Windows 7 ha conquistato in un solo anno di disponibilità il 17,10% dei computer al mondo, piazzandosi subito dietro all’immortale (almeno per ora) Xp che domina ancora la classifica con il suo 60,03% di diffusione. Ma anche questa è una notizia: Xp si appresta (probabilmente già a novembre) a scendere sotto la soglia psicologica del 60%, ovviamente a favore di Seven.

Ancora non siete convinti? Bene, abbiamo detto che in un anno Windows 7 ha una diffusione del 17,10%. Sapete quanto ha “totalizzato” Vista in ben 45 mesi? Il 13,35%. Esatto, nel 25% del tempo di disponibilità Windows Sette non solo ha raggiunto, ma addirittura sorpassato e distaccato la sua precedente versione.

Ma Windows 7 non è solo una questione di numeri. E’ davvero un sistema eccellente, a suo agio su tantissimi sistemi, da quelli più recenti fino a quelli prodotti ad inizio del decennio (diciamo, per esperienza diretta, dal 2002). E ha avuto un successo mondiale perché ha dato da subito risposte positive laddove Vista aveva fallito: larga base d’applicazione, periferiche facilmente riconosciute, nessuna “corsa” al primo service pack (che, tra parentesi, sarà disponibile nella prima metà del 2011) e soprattutto compatibilità con gli applicativi più vecchi grazie ad Xp Mode, una macchina virtuale in cui far girare i programmi compatibili solo con Windows Xp.

Ed ora un mio personalissimo commento: l’insuccesso (di pubblico) di Windows Vista ha costretto Microsoft ad una corsa senza precedenti per “costruire” Seven ma ora gli ottimi risultati raggiunti possono permettere a Microsoft di pensare con calma ad una revisione completa del proprio sistema operativo. Ci sono due vie percorribili.. sappiamo dell’esistenza (in sviluppo) di Windows 8 ma anche delle ricerche interna su Midori e Singularity. Chiediamoci: Microsoft vorrà continuare a lavorare partendo dalla base di Windows 7 per costruire Windows 8 oppure dichiarerà concluso lo sviluppo del suo “Finestre” per concentrarsi completamente su un nuovo concetto di Sistema Operativo, completamente modulare e virtualizzato e fortemente orientato al cloud? Insomma.. cosa andrà ad affiancare Azure e Windows Phone 7 tra un paio d’anni? Potremo averne una anticipazione solo quando vedremo comparire in rete le primissime versioni “rubate” delle pre-beta di “Next” (come Microsoft ama chiamare la “Prossima” versione di un suo sistema operativo). Una data? secondo me settembre/ottobre 2011.

Voi cosa ne pensate?

[Omnia / Luca Zaccaro]

  • Share on OkNotizie
  • Share on Twitter
  • Share on Facebook
Categorie
Tecnologia

Windows 7 sorpassa Vista

E così, alla fine, è accaduto! Molto prima del rilascio del primo Service Pack, molto prima di quanto ci si aspettasse: Windows 7 ha superato Windows Vista nel mercato dei sistemi operativi, piazzandosi al secondo posto dopo il (quasi) immortale Windows Xp. Secondo l’autorevole sito internet “Market Share”, il sistema operativo rilasciato da Microsoft nel 2001 (e in vita da ben 10 anni!) è utilizzato sul 61,87% dei computer, mentre l’ultimo nato ha raggiunto in tempo record (9 mesi e 10 giorni) la soglia del 14,46% delle installazioni. Windows Vista, sempre più in affanno e in via d’abbandono (nonostante le voci di un SP3 ormai prossimo) si ferma al 14,34%.

In generale Windows è al 91,32%, Mac OSX al 5,06% e Linux allo 0,93%.

Già che ci siamo, diamo un’occhiata pure ai Browser: IE8, poco prima di venire travolto dal suo successore IE9 (in Beta da settembre 2010) è al 26,87%, segue l’odiatissimo IE6 al 16,97%, cifra davvero troppo alta per essere nel 2010! Firefox si difende bene al 16,15%, 11,43% per IE7 e 6,48% per Chrome 5.

Tornando all’oggetto dell’articolo, questo è un gran giorno per Microsoft che dimostra di aver vinto la sua battaglia sui sistemi operativi su tutti i fronti. Ricordiamo che la quota di Windows Vista è maturata in quattro anni, mentre il risultato record di “Seven” è stato ottenuto in quasi un quinto del tempo. Anche se questo calcolo non ha rilevanza statistica, andando avanti di questo passo raggiungerà la quota di Windows Xp a dicembre 2013.

Complimenti ancora al team di sviluppo, che ci ha consegnato un prodotto ottimo sin dalla RTM!

[Omnia / Luca Zaccaro]

  • Share on OkNotizie
  • Share on Twitter
  • Share on Facebook
Categorie
Tecnologia

Windows 7 RC: inizia lo spegnimento ogni 2 ore

Windows 7 RC, l’ultima milestone prima della versione definitiva di Seven, è stato distribuito pubblicamente da Microsoft a partire dal 5 maggio 2009, con milioni di product key prelevabili ed utilizzabili gratuitamente.

Grazie a questa politica del “prova e giudica” l’azienda di Redmond è riuscita a guadagnarsi davvero tanti fans e Windows 7 si è rivelato essere un successo fin dal primo giorno di commercializzazione (oggi sfiora già il 10% del totale con più di 60 milioni di attivazioni).

Bene, ma se siete tra quelli che stanno ancora utilizzando la versione RC (7100) di Windows 7 sappiate che, a partire da oggi, la vostra copia del sistema operativo inizierà a riavviarsi ogni due ore, rendendo praticamente inutilizzabile il PC. Si tratta di una cosa normalissima: la Release Candidate era appunto una versione di prova e ora Microsoft “batte cassa”: se siete rimasti piacevolmente colpiti da Windows 7 è ora di comprarsi una licenza originale 😉

Per quanto mi riguarda posso dirvi che una cinquantina di euro per una copia originale di Windows 7 Home OEM sono soldi davvero ben spesi.. se poi avete problemi nell’installazione posso provare a darvi una mano 😉

[Omnia/Luca Zaccaro]

  • Share on OkNotizie
  • Share on Twitter
  • Share on Facebook
Categorie
Tecnologia

Pwn2Own 2010: esami in vista per 7 e OSX

Tra poco più di un mese aprirà i battenti Pwn2Own 2010, un evento a cui partecipano molti hacker ed esperti di sicurezza. L’obiettivo è semplice: bucare, bucare, bucare. Trovare quanti più modi possibile per infiltrarsi nei sistemi operativi. Naturalmente gli exploit utilizzati saranno poi inviati a chi di dovere per far si che vengano realizzate soluzioni all’altezza.

L’anno scorso questo contest ci ha rivelato una realtà tanto scioccante quanto inaspettata: Mac OSX non è affatto sicuro come molti credono! Charlie Miller, vincitore delle ultime due edizioni, è riuscito infatti a bucare il sistema operativo Apple tramite safari in meno di 5 Secondi!

Basta dunque a tutti quei fanboy che sbandierano senza sosta “Uso Mac, sono al sicuro!”. Il fatto che esistano pochi malware per il sistema operativo made in Cupertino è solo una questione di percentuali (quelle che decretano le quote di mercato detenute): i malintenzionati sono molto più portati a sviluppare virus e trojan per un sistema diffuso sul 92% delle macchine piuttosto che guardare al 5%.

E questo anno si rischia il bis: come scrive Tom’s Hardware, Aaron Portnoy, ricercatore di sicurezza di 3Com TippingPoint, pensa che il primo browser a cadere sarà Safari su Mac OS. Safari – dice Portnoy – sarà installato su Snow Leopard, che non è allo stesso livello di Windows 7.

Continuando a leggere l’articolo saltano all’occhio i complimenti verso Windows 7: è definito “nuovo” e le tecnologie DEP e ASLR vengono descritte come “efficaci” tanto che viene azzardata una previsione: la prima giornata (quella in cui si lavora su Seven) si concluderà con nulla di fatto.

Sarà davvero così? Lo scopriremo presto.

Per quanto mi riguarda era importante ribadire che NESSUN sistema operativo è sicuro. Tranne quello spento.

[Omnia/Luca Zaccaro – via link]

  • Share on OkNotizie
  • Share on Twitter
  • Share on Facebook
Categorie
Tecnologia

Microsoft, ferve il lavoro dopo Windows 7

Ricordate qualche mese fa? La guerra delle build di Windows 7.. ogni giorno una nuova versione, la beta che sfugge sui circuiti torrent, poi la RC, le false notizie sulla RC2 e il rincorrersi di voci sulla RTM.

Pensate che Microsoft si sia presa una vacanza? Decisamente no! E’ ormai certo l’inizio dei lavori per consegnarci il primo Service Pack di Windows 7/Server 2008R2 entro settembre. Molto probabilmente il “ramo” che sta lavorando a questo progetto è quello del winmain_sp e il numero di macro-Build è 7601 (ovvero “una unità” dopo Windows 7). Fin qui niente di strano.

Pare però che si sia rimesso in moto anche il ramo winmain, quello per intenderci che poi sforna i sistemi operativi veri e propri. il solito WZor ha pubblicato alcune immagini di una ipotetica Build 7700. Ammettiamo che non si tratti di fotoritocco (la genuinità delle immagini non è garantita): a cosa corrisponderebbe quel 7700? Se, come abbiamo detto, il primo Service Pack sarà la build 7601, non è in questa direzione che dobbiamo cercare. Verrebbe subito da pensare a Windows 8: in fondo come chiamare un sistema operativo successivo a Windows 7 che non sia Windows 7 SP1? Ma qui i dubbi sono ancora troppi. Se è vero che la prossima versione di Windows vedrà la luce tra il 2011 e il 2012 è ancora troppo presto per una Build, oltretutto nel ramo winmain.

Non sappiamo a cosa si riferisca questa 7700.winmain.100122-1900, compilata (sempre che non si tratti di uno scherzo) il 22 Gennaio. Di certo a Redmond non stanno con le mani in mano..

[Omnia/Luca Zaccaro]

  • Share on OkNotizie
  • Share on Twitter
  • Share on Facebook
Categorie
Tecnologia

Microsoft “spinge” su Windows 7 SP1?

Vi sarà forse giunta voce che da qualche giorno alcune installazioni di Windows 7 sarebbero state predisposte ad accogliere le versioni di test del primo Service Pack. La notizia del ritrovamento nel registro di Seven di alcune voci “sospette” come SP0RTM l’ha data Rafael sul suo “Within Windows” ma tutto sembrava nella norma. Normale che Microsoft inizi a testare le possibilità di Upgrade del suo nuovo sistema.

In realtà la blogosfera rilancia a gran voce l’ipotesi di un primo Service Pack “dietro l’angolo”. Cerchiamo di chiarire un po’ le idee. Di solito il primo Service Pack per un sistema operativo Microsoft fa la sua comparsa tra i 12 e i 18 mesi dopo la commercializzazione del prodotto. Si tratta generalmente di una raccolta di updates che rendono il sistema più sicuro, stabile e compatibile con le nuove tecnologie. Se diamo credito a queste voci, Windows 7 potrebbe “essere in anticipo” anche in questo frangente: si dice che una versione preliminare di Windows 7 SP1 sarà distribuita a Giugno e che la versione definitiva farà la sua comparsa a Settembre.

Se davvero così fosse appare chiara la volontà da parte di Microsoft di attirare grandi fette dell’utenza Businness verso il nuovo sistema (Windows 7 o Server 2008R2). Non dimentichiamoci infatti che nei settori aziendali si è soliti aspettare le valutazioni sul primo SP prima di procedere all’aggiornamento.

Stando a quanto riporta NeoWin (che a sua volta cita ZDNet), Windows 7 SP1 conterrà tutti gli aggiornamenti rilasciati, miglioramenti nella gestione di Wireless e Bluetooth e il supporto al “nuovo” USB 3.0.

Che dire, stay tuned 😉

[Omnia/Luca Zaccaro – via link]

  • Share on OkNotizie
  • Share on Twitter
  • Share on Facebook
Categorie
Tecnologia

Windows 7: tanti “GodMode”

Qualche giorno fa il mondo di internet ha conosciuto la cosidetta “GodMode” di Windows 7, uno speciale codice capace di accedere direttamente a molte funzioni del sistema operativo. Niente di sconvolgente, solo un po’ di ordine. Tanto per capirci si parla di un pannello di controllo con visualizzatore classica. Ora Neowin propone altre stringhe per attivare altrettante “scorciatoie”. Eccole, senza cincischiare troppo 😉

    Default Location – {00C6D95F-329C-409a-81D7-C46C66EA7F33}
    Biometrics – {0142e4d0-fb7a-11dc-ba4a-000ffe7ab428}
    Power Settings – {025A5937-A6BE-4686-A844-36FE4BEC8B6D}
    Notification Area – {05d7b0f4-2121-4eff-bf6b-ed3f69b894d9}
    Manage Credentials – {1206F5F1-0569-412C-8FEC-3204630DFB70}
    Get New Programs – {15eae92e-f17a-4431-9f28-805e482dafd4}
    Default Programs – {17cd9488-1228-4b2f-88ce-4298e93e0966}
    NET Framework Assemblies – {1D2680C9-0E2A-469d-B787-065558BC7D43}
    Wireless Networks – {1FA9085F-25A2-489B-85D4-86326EEDCD87}
    Network Neighborhood – {208D2C60-3AEA-1069-A2D7-08002B30309D}
    My Computer – {20D04FE0-3AEA-1069-A2D8-08002B30309D}
    Printers – {2227A280-3AEA-1069-A2DE-08002B30309D}
    RemoteApp and Desktop – {241D7C96-F8BF-4F85-B01F-E2B043341A4B}
    Windows Firewall – {4026492F-2F69-46B8-B9BF-5654FC07E423}
    Performance – {78F3955E-3B90-4184-BD14-5397C15F1EFC}
    GodMode – {ED7BA470-8E54-465E-825C-99712043E01C}

Voglio precisare che non ho ancora testato personalmente queste scorciatoie, quindi se volete dirmi voi se funzionano ne sarei felice 😉

[Omnia/Luca Zaccaro]

  • Share on OkNotizie
  • Share on Twitter
  • Share on Facebook