Categorie
Sport

La “Scommessa Giaccherinho”

Come di consueto, quest’anno, la Juve d’Italia non brilla dopo le (buonissime) prestazioni d’Europa. Male. Malissimo, se diamo ascolto ai due boati dello Stadium che scandiscono i due goal del Chievo contro il Napoli. Quella sconfitta, a 10 giornate dalla fine, era da monetizzare ad ogni costo. Ma in campo è tutta un’altra storia: il Catania, universalmente riconosciuto come la rivelazione dell’anno, imbriglia i Campioni (sbiaditi) e un Pirlo in giornata no (forse la peggior prestazione da Juventino) non aiuta a costruire trame convincenti, viste anche le pennichelle sulle fasce di Lichsteiner e Asamoah. Insomma, arrivati al 91′ sembra proprio che sarà “festa a metà”. E invece poi arriva il guizzo di Giaccherini, su assist di un immenso Pogba, e la palla finisce dentro. Esultanza da finale di Champions e +9 sul Napoli (o +10, se volete). Si può dire che è finita? Neanche per sogno. Non in Italia. Ma sicuramente la strada è più in discesa adesso. Vince la Juve, vince la scommessa di Conte di puntare sul gruppo piuttosto che sul Top Player. “Giaccherinho”, in fondo, è una sua creazione.

[Omnia / Luca Zaccaro]

  • Share on OkNotizie
  • Share on Twitter
  • Share on Facebook
Categorie
Sport

Pillole di Grande Juve

L’ultima volta che ho visto una partita del genere da parte della Juventus ero ancora al Liceo. Non sembra, ma a fare bene i conti è passato parecchio tempo dal maggio del 2006 e dall’ennesimo scudetto “facile”. Facile, ci tengo a sottolinearlo, perché quella squadra in Italia non aveva rivali. Mica per le altre storielle che ci hanno costruito attorno. Ma torniamo al presente. Uno stadio spettacolare, stracolmo. Una bolgia capace di diventare, come nei sogni di Agnelli, il dodicesimo giocatore della Juve. Una squadra umile, decisa e tonica che, da settima in campionato l’anno passato, accoglieva in casa i Campioni d’Italia. Poi il fischio d’inizio. Novanta minuti in cui il Milan non è riuscito a ragionare nemmeno su un pallone. Gioco, grinta e corsa. Tanta corsa. Calato questo tris ieri sera non ce n’è stato per nessuno. Intendiamoci, in campo non c’erano i grandi campioni.. i Messi, i Ronaldo. C’era una buona Squadra, formata da qualche vecchia (mi si perdoni il termine) gloria e da giovani volenterosi. Una Squadra dunque. Con la “S” maiuscola. Perché è così che oggi in Italia si vincono le partite. Quando il Napoli riesce a rifilare tre “papine” alla Grande Inter. Una difesa granitica che da sicurezza permette ai centrocampisti di non preoccuparsi di quello che accade dietro e di pensare solo e soltanto a non far ragionare gli avversari, macinando chilometri e invenzioni. Chiaro, è tutto più facile quando hai un Pirlo in questo stato di grazia, ma come ho già detto non è merito dei singoli se ieri sera ha vinto la Juve. C’è ancora parecchio da migliorare.. ad esempio bisognerebbe insegnare a Vidal che la porta ha una ampiezza di circa 7 metri per due e non è quella del rugby. Bisognerebbe far fare a Krasic un corso intensivo di Italiano perché quest’anno che c’è da seguire alla lettera le istruzioni dell’allenatore pare esserci qualche problema di troppo nella comprensione. Bisogna spiegare a Chiellini che se aspira ad essere il migliore in Italia prestazioni come quelle di ieri sera devono essere la norma e non l’eccezione. Bisogna spiegare a Marchisio che lo spirito con cui si entra in campo deve essere sempre quello visto ieri. Bisognerà anche spiegare a Del Piero (e questo non sarà semplice) che in partite come questa, dove il ritmo è tutto, potrebbe non esserci spazio per un fuoriclasse che, nonostante tutto, si avvia ai 37 e non può certo garantire queste prestazioni. Ma non si preoccupi, il campionato è ricco di partite in cui la sua invenzione di giornata può fare la differenza.
Bisognerà infine spiegare a Conte che se si azzarda a mollare la presa, a far solo trasparire una briciola di soddisfazione, a “rilassarsi” e rilassare la squadra potrebbe rovinare tutto quello che ha costruito fin ora e che gli juventini aspettavano da cinque anni. Continuate così.
Una nota di colore: Metro (giornare gratuito di Milano) titola “A Torino vince una Juve fortunata” e, poco sotto, “per larghi tratti il Milan ha avuto in mano il pallino del gioco creando diverse palle gol”. Ecco, non so cosa sia successo ma evidentemente dalle parti della Redazione il segnale di Sky arriva parecchio disturbato.

[Omnia / Luca Zaccaro]

  • Share on OkNotizie
  • Share on Twitter
  • Share on Facebook